Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il caso Panico-Romeo

Il giudice Panico censurato dal Csm


.

Il giudice Panico censurato dal Csm
22/10/2011, 14:10

NAPOLI – Censurato il giudice Antonio Panico, presidente di sezione del Tribunale di Napoli a causa della sua amicizia e vicinanza con l’immobilirista Alfredo Romeo, indagato nell'ambito delle inchieste sui cosiddetti affari di Global Service. Il provvedimento, giunto dal Consiglio Superiore della Magistratura, va a sanzionare l'atteggiamento di Panico che si tirò indietro nel giudicare una causa in sede civile tra il Comune di Napoli e la società Romeo spa. Il fatto fu dovuto alla grande amicizia che legava Panico a Romeo, dato che non è sfuggito al PG della Cassazione che a carico del collega ha formulato la colpa di aver violato i doveri generali di correttezza e imparzialità, ipotizzando il reato di abuso d'ufficio per il quale, però, il gip di Roma avevo chiesto l'archiviazione per prescrizione del reato. L'altro, invece, riguarda l'astensione dalla trattazione delle controversia civile tra Palazzo San Giacomo e la società del Romeo. La notizia è che la sezione disciplinare del CSM ha assolto Panico dalla prima imputazione, e ha concentrato il 'tiro' invece sull'indisponibilità del togato a trattare una causa nella quale era coinvolto l'amico di sempre.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©