Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Sigla della prima Alleanza Mondiale Oncologica in Rete

Il governatore De Luca al Pascale


Il governatore De Luca al Pascale
14/05/2019, 23:40

Firmato l’accordo tra Napoli, Singapore, Cile, Brasile, Colombia e Russia. L’iniziativa, promossa dalla direzione Bianchi, lanciata oggi in occasione dei festeggiamenti per il 160simo anniversario della nascita del senatore Giovanni Pascale, fondatore dell’Istituto dei tumori. De Luca: <Questa è la sanità che vogliamo, orgoglio dell’Italia nel mondo e che finalmente abbiamo portato fuori dal commissariamento cambiandola con il lavoro e l’impegno, non con i tweet>.

La Rete oncologica campana estende i suoi confini. Prima l’accordo siglato con Puglia e Basilicata, poi l’Alleanza Mondiale con Singapore, Russia, Cile, Colombia e Brasile, firmata questa mattina, in occasione dei festeggiamenti per il 160simo anniversario della nascita di Giovanni Pascale. A tenere a battesimo il nuovo accordo, che unisce la ricerca napoletana con quella mondiale, il governatore Vincenzo De Luca. <Un Istituto di indubbia eccellenza, dice il presidente della Regione Campania, esempio di sanità pubblica che funziona e soprattutto punto di riferimento per chi non ha possibilità economiche e qui può davvero salvarsi la vita. E proprio perché funziona, come tante altre realtà regionali, è giunto il momento di uscire dal commissariamento. Ho parlato con il ministro, continua De Luca, dalla nostra abbiamo un bilancio in ordine, se non si esce dall’impasse del commissariamento passeremo alle vie legali>. Il Governatore ribadisce l’impegno economico di 160 milioni investiti dalla Regione nella ricerca oncologica e ringrazia i delegati stranieri. Con la rettrice dell’Università Medica Statale di Perm, Irina Koryukina simbolico scambio di doni, preludio di alleanze con la Regione Campania che vanno al di là della Rete.

E’ una festa mondiale quella che da questa mattina l’Istituto dei tumori di Napoli ha organizzato per il 160simo anniversario della nascita del senatore Giovanni Pascale, il fondatore del più grande polo oncologico del Mezzogiorno. <Siamo eredi di un sogno. Se lui non fosse nato, noi non saremmo qui>, dice il direttore generale Attilio Bianchi, nella sala Consiglio in cui si sono dati appuntamento ricercatori, chirurghi, clinici. In prima fila per l’occasione anche una delegazione di venti oncologi provenienti da Singapore, Cile, Colombia, Brasile e Russia, venuti a Napoli per suggellare la prima Alleanza Mondiale Oncologica in Rete. Inevitabili le parole di ringraziamento di Bianchi: <Grazie al governatore per la sua presenza e per quello che ha detto, per la propria sensibilità e la attenzione che convintamente dedica all' oncologia>. Dopo l’intervento di De Luca prendono il via i lavori. Oggi le relazioni dei capi dipartimento del Pascale, domani le relazioni degli ospiti stranieri prima di siglare l’Alleanza Mondiale Oncologica in Rete.

<Il lavoro in Rete, dalla Rete Oncologica Campana, dalla rete AMORe, sovraregionale con Puglia e Basilicata, - continua Bianchi - configura il presupposto per questa idea che abbiamo l orgoglio di lanciare da Napoli. La Alleanza Mondiale Oncologica in Rete. Sarà ancora AMORE, ma la M, da Mediterranea, diventa Mondiale. E la firmeremo insieme a tutti i partner internazionali, che ci hanno onorato della loro presenza, in questa occasione dell'anniversario della nascita del nostro fondatore, il senatore Giovanni Pascale>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©