Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Salvata dai vigili una giovane data per dispersa ieri

Il maltempo mette in ginocchio il Sud, 3 le vittime

E' morto un bambino di 10 anni

Il maltempo mette in ginocchio il Sud, 3 le vittime
23/11/2011, 11:11

Il maltempo continua a mettere in ginocchio le regioni meridionali del nostro Paese. Sono stati rinvenuti i corpi senza vita di Luigi e Giuseppe Valla, padre e figlio, che risultavano dispersi nella frana di Saponara. Sale, dunque, a tre il bilancio ufficiale del nubifragio. E' stata invece salvata dai vigili la ragazza di 24 anni, data per dispersa e tra le possibile vittime della tragedia. La giovane donna è stata salvata insieme ad un'altra signora di 50 anni. Il presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Monti è tenuto costantemente informato sull' evoluzione del maltempo che ha colpito in particolare Sicilia e Calabria. Monti ha inoltre dato indicazione al capo del Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, di recarsi nelle zone alluvionate del Messinese, per verificare di persona la situazione e valutare gli eventuali necessari interventi. Intanto a partire dalla notte scorsa ci sono almeno 100 militari che lavorano per prestare soccorso agli abitanti del paese del Messinese; si tratta della  V fanteria Aosta e del XXIV reggimento di Messina, e del IV reggimento Genio di Palermo. L'esercito è presente con oltre 30 mezzi. Nella zona del disastro è presente il comandante della brigata Aosta, generale Gualtiero Mario De Cicco, che ha compiuto un sopralluogo nei posti maggiormente colpiti. Intanto il  Centro Funzionale Multirischi dell'ARPACal ha allertato 306 comuni calabresi di cui 152 di livello 3, che è il massimo livello di allertamento. Le precipitazioni più significative nelle ultime 24 ore sono state a Cittanova (RC) 362 mm; Platì (RC): 263 mm; Catanzaro 173 mm; Borgia (CZ) 184 mm; Crotone 159 mm. L'Arpacal segnala per oggi una tregua del maltempo anche se già "da domani registreremo - afferma - nuovi fenomeni signifivativi sul versante ionico".

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©