Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'editore:"Felice della prova di correttezza del quotidiano"

Il Mattino rettifica le notizie false sull'avvocato Lucio Varriale


Il Mattino rettifica le notizie false sull'avvocato Lucio Varriale
18/07/2010, 14:07

NAPOLI - Nella giornata di ieri, la nostra redazione, aveva segnalato l'articolo pubblicato sul Mattino e firmato da Rosaria Capacchione all'interno del quale si diffondevano notizie sull'avvocato Lucio Varriale che non corripondevano in alcun modo alla verità. Il pezzo è consultabile a questo indirizzo e sottolinea in maniera precisa tutte le inesatezze contenute all'interno del testo scritto dalla stimata collega; provvedendo inoltre a contattare sia l'autrice dell'articolo che il direttore della testata.
Oggi, con la firma di Gerardo Ausiello, il quotidiano partnopeo provvede a rettificare quanto erroneamente riportato lo scorso 17 luglio; sottolineando infatti che Varriale non è stato mai condannato per calunnia. Un segnale importante e di innegabile professionalità dato dal Mattino che, come intuibile, presuppone un'approfondita indagine da parte dei responsabili del giornale per valutare l'attendibilità delle dichiarazioni rilasciate dal noto imprenditore napoletano; definitisi fin da subito estraneo agli illeciti e alle condanne di cui aveva scritto la Capacchione e disponibile a dimostrarlo esibendo il proprio casellario giudiziario internazionale.
Nell'articolo di Ausiello, difatti, vengono ripresi con estrema precisione tutti i punti contestati da Varriale alla Capacchione; partendo dalla totale estraneità dell'avvocato alla famosa Spectre e finendo con il chiarire i rapporti passati e presenti di quest'ultimo con il magistrato
Raffaele Cantone e con l'avvocato Vittorio Trupiano. Riabilitata dunque in maniera piena e documentata la figura del noto imprenditore partenopeo che, come da lui stesso ammesso, aveva in un primo momento pensato ad un atto ritorsivo compiuto ai suoi danni da alcuni dei personaggi collegati alla malapolitica e alle istituzioni deviate ultimamente braccati dall'emittente Telelibera-Julia Italia di cui è proprietario.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©