Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il monito di Bergoglio durante la messa in Santa Marta

Il Papa: "Cristiani più perseguitati oggi che nei primi secoli"


Il Papa: 'Cristiani più perseguitati oggi che nei primi secoli'
04/05/2013, 15:22

Città del Vaticano - Arriva il monito del Papa sulle persecuzioni dei cristiani. Ci sono “tante comunità cristiane perseguitate nel mondo in questo tempo più che nei primi tempi: oggi, adesso, in questo giorno e in questa ora”. Ma anche di fronte a questo dobbiamo rimanere miti e umili per sconfiggere le lusinghe e l'odio del mondo. Queste le parole di Papa Francesco nella Messa mattutina celebrata nella Casa Santa Marta. Alla Messa, concelebrata da monsignor Lorenzo Baldisseri, segretario della Congregazione per i Vescovi, ha preso parte un gruppo di Guardie Svizzere Pontificie alle quali il Papa ha dedicato un saluto di affetto e gratitudine. “La Chiesa, dice Bergoglio, vi vuole tanto bene e anche io”
“La strada dei cristiani è la strada di Gesù. Se noi vogliamo essere seguaci di Gesù, non c'è un'altra strada: quella che Lui ha segnato. E una delle conseguenze di questo è l'odio, è l'odio del mondo, e anche del principe di questo mondo. Il mondo amerebbe ciò che è suo. `Vi ho scelti io, dal mondo´: è stato Lui proprio che ci ha riscattato dal mondo, ci ha scelti. Con la sua morte, con la sua resurrezione, ci ha riscattati dal potere del mondo, dal potere del diavolo, dal potere del principe di questo mondo”.
“Lo spirito del mondo odia”. E da questo deriva un ammonimento sempre attuale: “Con il principe di questo mondo non si può dialogare: e questo sia chiaro! Oggi il dialogo è necessario fra noi, è necessario per la pace. Il dialogo nasce dalla carità, dall'amore. Ma con quel principe non si può dialogare: soltanto rispondere con la Parola di Dio che ci difende, perché il mondo ci odia”, ha concluso il Papa.

 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©

Correlati

22/05/2013, 12:45

Papa ai cattolici della Cina