Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Sommo Pontefice in Piazza Duomo

Il Papa: Milano città laica e religiosa

Ma è polemica per le maxi-spese: 13 milioni di euro

Il Papa: Milano città laica e religiosa
01/06/2012, 20:06

MILANO – Non c’è stato nessun cambiamento di programma. Nonostante lo scenario a tinte fosche dovuto all’arresto del maggiordomo del papa, il “corvo” con l’accusa di aver violato  i segreti vaticani, le polemiche e i 13 milioni di euro spesi per l’occasione in un momento di grave difficoltà per l’Emilia Romagna, messa in ginocchio dal terremoto, Benedetto XVI è arrivato a Milano. E’ stato accompagnato a sorpresa dal segretario di stato vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone, per la visita pastorale e il VII Incontro Mondiale delle Famiglie. Il capo del vaticano è arrivato a bordo dell'Airbus A319 CJ dell’aeronautica militare, messo a disposizione dalla presidenza del Consiglio.
 
IN PIAZZA DUOMO – Papa Ratzinger è arrivato a bordo della “papa mobile” in una pienissima Piazza Duomo, acclamato da molte persone. Al fianco del pontefice c'è un altro aiutante al posto del maggiordomo Paolo Gabriele, arrestato la settimana scorsa per il possesso illecito di documenti riservati.
La visita di Benedetto XVI si è poi conclusa sulle note di ‘Oh mia bela Madunina’.

RATZINGER: “FEDE E FAMIGLIA” – Per il papa, che ha parlato in piazza,  la fede "deve animare tutto il tessuto della vita, personale e comunitaria, privata e pubblica, così da consentire uno stabile e autentico 'ben essere', a partire dalla famiglia", da riscoprire "quale patrimonio principale dell'umanità" e "segno di una vera e stabile cultura in favore dell'uomo".

“SOLIDARIETA’ PER EMILIA ROMAGNA” - Benedetto XVI ha invocato ancora una volta "una generosa solidarietà" verso le popolazioni dell'Emilia Romagna colpite dal sisma, "che sono nel nostro cuore - ha detto - e nella nostra preghiera". Il Papa lo ha affermato durante l'incontro con la cittadinanza di Milano in Piazza Duomo. Ad accoglierlo, in questi giorni, ci sono un milione e duecentomila pellegrini: tre volte la popolazione di Milano. Altra polemica nata soprattutto sul web riguarda la spesa per questo maxievento durante un momento luttuoso per gli italiani, vessati dal terremoto in Emilia.

IL PAPA: CITTA' LAICA E RELIGIOSA - Nella chiara distinzione dei ruoli e delle finalità, ha aggiunto il Papa, la Milano positivamente ‘laica’ e la Milano della fede sono chiamate a concorrere al bene comune.  La capitale lombarda, nei giorni scorsi, è stata luogo di scontro tra il sindaco Giuliano Pisapia e il governatore Roberto Formigoni. L’oggetto del contendere è un argomento molto delicato: le unioni civili. Botta e risposta tra i due, con Pisapia che minaccia di assumere “personalmente con la mia giunta la decisione sul registro delle unioni civili” in mancanza di una decisione in merito. “Di famiglia ne conosco una sola, fatta di un uomo, una donna e dei bambini”, è stata la secca risposta di Formigoni. Screzi ai quali si aggiungono le discussioni interne alla maggioranza per il “deficit di preoccupante laicità” per la visita del Sommo Pontefice.

LE SPESE –
Il Comune ha previsto una spesa di 3,1 milioni di euro per potenziare i servizi, in vista dell’enorme affluenza di pellegrini da tutto il mondo. La Regione Lombardia, invece, ha contribuito all’evento con due milioni di euro a favore della Fondazione Milano Famiglie 2012. La spesa complessiva si aggira intorno ai 13 milioni di euro, finanziati da Regione, arcidiocesi, Cei e numerosi sponsor come Intesa San Paolo, Eni ed Enel. Con un ritorno, secondo la fondazione, di 55 milioni di euro grazie alle grandi dimensioni dell’evento.
 

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©