Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Paralizzato e bloccato,senza risorse e a seguito del premier

Il Parlamento italiano ha varato una sola legge nel 2011


Il Parlamento italiano ha varato una sola legge nel 2011
14/02/2011, 17:02

ROMA - Visto che questo è il "governo del fare", come amano dire gli uomini di governo e della maggioranza, quante leggi hanno approvato sinora, nel 2011? Solo una. E non che ci fosse molto da approvare: era la conversione in legge del decreto legge sui rifiuti in Campania del novembre scorso. Ma allora le leggi le stanno preparando e quindi nei prossimi giorni si daranno da fare? No, in calendario alla Camera dei Deputati e al Senato ci sono solo interrogazioni ed interpellanze, mentre si aspetta il decreto Milleproroghe, nel quale ci stanno mettendo di tutto (compreso un condono edilizio, lo stop agli abbattimenti delle case abusive ad Ischia e la schedatura delle donne che ricorrono alla fecondazione assistita). Allora almeno il governo si sta dando da fare, presenta disegni di legge o decreti a raffica? Decisamente no. L'ultimo Consiglio dei Ministri, dedicato allo sbarco dei tunisini in Sicilia, è durato 5 minuti. Il precedente, dedicato al piano per la "frustata all'economia" è durato meno di un'ora.
E non è che il 2010 sia andato meglio: In tutto l'anno la Camera dei Deputati si è riunita poco più di 150 volte, praticamente meno di un giorno ogni due; al Senato poco più di 100 volte, un giorno ogni tre. Insomma, una attività completamente bloccata. Ormai l'unica cosa che si fa è approvare i sempre più rari decreti governativi e studiare il modo di salvare il posteriore del Presidente del Consiglio, impegnato nei tre (e tra poco probabilmente quattro) processi in corso a Milano. Ma è per questo che noi cittadini li paghiamo 20 mila euro netti al mese più tutti i benefit che hanno?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©