Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Il Pascale punto di riferimento oncologico nel mondo


Il Pascale punto di riferimento oncologico nel mondo
22/01/2019, 11:31

NAPOLI - Arrivano da Perm, la città resa famosa dal romanzo del dottor Zivago, il riconoscimento di eccellenza al Pascale e l’invito al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ad avviare ulteriori collaborazioni di comune interesse. Era settembre dello scorso anno quando una delegazione costituita dal direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi, il radioterapista Paolo Muto, il chirurgo Franco Ionna, il ricercatore Franco Buonaguro e il senologo oncologo, Michelino de Laurentiis, venivano ricevuti dall’Università Statale Medica di Perm per siglare un accordo per consentire a studenti e medici specialisti russi di seguire corsi di perfezionamento presso l’Istituto dei tumori di Napoli. Nella lettera, inviata ieri dalla rettrice dell’Ateneo di Perm, Koryuina Irina Petrovna, al governatore De Luca, si legge infatti: <L’Istituto Pascale rappresenta sicuramente un’eccellenza nella Regione da lei presieduta e abbiamo stipulato un accordo specifico per consentire ai nostri studenti di seguire corsi di perfezionamento presso di voi>. La rettrice ha, inoltre, invitato De Luca a incontrare il governatore della Regione di Perm Reshetniov M.G. per valutare la possibilità di avviare insieme progetti di collaborazione non solo in campo sanitario, ma in tutti i settori di interesse comune. <Siamo onorati - dice il direttore del Pascale, Attilio Bianchi – per l’attenzione riservataci dall’Università di Perm. Segno che i nostri sforzi e il nostro impegno sono riconosciuti sempre più a livello internazionale e che dobbiamo continuare su questa strada. Molto interessante, inoltre, la proposta del Governatore della Regione di Perm di estendere la collaborazione con la Regione Campania su temi di interesse reciproco>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©