Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'incredibile proposta di legge presentata alla Camera

Il Pdl vuole censurare i libri scolastici di storia: "Comunisti"

"Vogliamo che vengano modificati, prima del ritiro"

Il Pdl vuole censurare i libri scolastici di storia: 'Comunisti'
12/04/2011, 15:04

ROMA - Continuano le leggi, presentate dall'attuale maggioranza, che mirano a colpire le libertà più elementari dell'individuo. L'ultima è una legge che ha come prima firma quella di Gabriella Carlucci, seguita da quelle di Barani, Botta, Lisi, Scandroglio, Bergamini, Biasotti, Castiello, Di Cagno Abbrescia, Di Virgilio, Dima, Girlanda, Holzmann, Giulio Marini, Nastri, Sbai, Simeoni e Zacchera. Il disegno di legge prevede di creare una commissione con lo scopo di valutare i libri di storia presenti nella scuola per cancellare tutte quelle valutazioni politicamente sgradite. Allora ecco che nelle premesse della legge vengono indicati alcuni esempi. SI tratta di libri che parlano bene di Enrico Berlinguer ("Un uomo di profonda onestà intellettuale e morale, misurato ed alieno alla retorica"), Palmiro Togliatti ("un uomo politico intelligente e duttile, capace di ampie visioni generali"), ma anche di Oscar Luigi Scalfaro ("Dopo aver abbandonato l'attività della magistratura per passare all'attività politica nel partito democtristiano, si segnala per il rigore morale e la valorizzazione delle istituzioni parlamentari") e di Rosy Bindi ("che, ai tempi delle Democrazia Cristiana, chiedeva di allontanare dalle cariche di partito tutti i parlamentari inquisiti"). Viceversa, non piace qualche commento su Berlusconi ("Nel 1994, con Berlusconi presidente del Consiglio, la democrazia arriva ad un apsso dal disastro").
Quindi, per evitare che questi libri vengano utilizzati, ecco la proposta di legge, per creare una commissione, come spiega uno dei firmatari, Barbieri, con un semplice scopo: "Verificare quali sono i libri faziosi e dargli il tempo di adeguarsi prima di farli ritirare dal mercato, mica mandarli al macero...". Ah, beh, allora siamo sicuri...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©