Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Diffuse notizie tranquillizzanti che la madre ha smentito

Il piccolo Leonardo resta senza la mamma in casa famiglia

Al bambino permesso di vedere la donna una volta al mese

Il bambino quando venne portato via con la forza
Il bambino quando venne portato via con la forza
05/11/2012, 08:45

PADOVA - Continua l'odissea del piccolo Leonardo, il bambino di 10 anni strappato con la forza dalla casa della madre, in ossequio ad una sentenza del Giudice civile basata su una perizia che giustificava l'azione con l'esistenza di una sindrome, la PAS, non riconosciuta in mabito scientifico. Ieri sul Mattino di Padova è uscito un articolo, nel quale descriveva una situazione idilliaca: il bambino v iene descritto come "rinato", è sereno, vede regolarmente i genitori e presto tornerà a scuola. TGCom 24 ha ripreso la notizia, aggiungendo che l'incontro tra il figlio e la madre è stato sollecitato dal padre. Un vero Eden. 
Peccato che le cose non stiano così, come dimostra il copmunicato dei legali della madre di Leonardo: "utto quello che è stato riportato dal quotidiano Il Mattino di Padova ed è rimbalzato in diversi tg nazionali è interamente falso e facilmente verificabile nella sua infondatezza. Quello di oggi è l'ennesimo tentativo strumentale di dare forzatamente un lieto fine ad una vicenda drammatica che purtroppo prosegue nella sua gravità. Questa diffusione di notizie è un'ulteriore violenza nei confronti del bambino, una profonda mancanza di rispetto della verità e una conferma che la sua voce non viene ancora ascoltata. E' curioso che tali notizie vengano diffuse all'indomani della divulgazione di una petizione meglio informata riguardo la verità, sorta spontaneamente da varie associazioni in nome del diritto del minore ad essere considerato un bambino sano ed essere liberato".
In quanto agli incontri, c'è una notevole disparità: il padre va a trovare il bambino quando vuole; alla madre in un mese è stato concesso solo un breve incontro di un'ora e alla presenza di un assistente sociale. E questo a dispetto della sentenza del Tribunale, che garantisce ad entrambi i genitori il diritto di vedere il figlkio liberamente. 
C'è da chiedersi come mai questo. A chi giova raccontare tante panzane? 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©