Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il prefetto su Campo nomadi di Giugliano in Campania


Il prefetto su Campo nomadi di Giugliano in Campania
10/02/2011, 17:02

Napoli 10 febbraio 2011 - Per scongiurare pericoli per la salute e l’incolumità delle persone che occupano il campo nomadi di Giugliano, in località Ponte Riccio, le aree sequestrate dalla Procura della Repubblica di Napoli dove sono state accertate gravi situazioni di inquinamento ambientale saranno lasciate libere in tempi brevi.

E’ quanto è stato condiviso nella riunione tenuta stamani in prefettura alla quale hanno partecipato, oltre al prefetto Andrea De Martino, anche il procuratore aggiunto Aldo De Chiara, il sindaco di Giugliano, Giovanni Pianese, i rappresentanti della Provincia di Napoli, delle associazioni di volontariato Opera nomadi, Comitato rom campano e degli stessi nomadi accompagnati da padre Pizzuti.

E’ stato concordato che le operazioni di allontanamento dei nomadi saranno accompagnate da interventi assistenziali a cura del comune di Giugliano in favore delle persone anziane, dei minori e di quanti hanno diritto a misure di protezione umanitaria.

Per definire il programma delle assegnazioni dei 24 moduli abitativi realizzati per la sistemazione dei nomadi, il comune di Giugliano sperimenterà in alternativa alla graduatoria una soluzione concordata con gli interessati.

Il prefetto ha assicurato il proprio impegno per favorire ulteriori interventi condivisi a livello territoriale per la sistemazione dei nomadi.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©