Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Prefetto visita il Comune, Iervolino: Ora lavoro sinergico


.

Il Prefetto visita il Comune, Iervolino: Ora lavoro sinergico
14/09/2010, 17:09

NAPOLI - Il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino, il presidente del Consiglio comunale Leonardo Impegno, e i vicepresidenti Vito Lupo e Vincenzo Moretto, insieme ai consiglieri comunali, hanno incontrato il nuovo Prefetto di Napoli Andrea De Martino nella sede consiliare di via Verdi. "L'iniziativa, in continuita' all'incontro nel 2009 con il precedente Prefetto Alessandro Pansa - ha detto Impegno - intende rafforzare la collaborazione tra Stato centrale e Amministrazioni comunali per estirpare, in particolare, il cancro della criminalita' organizzata. Il Prefetto, infatti, in ossequio al dettato normativo attuale, e' garante delle autonomie locali che collaboreranno in maniera fattiva a tutte le iniziative che la Prefettura mettera' in campo per la citta'". Il capogruppo Pdl Carlo Lamura ha auspicato che il rapporto proficuo gia' avviato negli ultimi anni possa intensificarsi perche' la Prefettura e' stata un punto di riferimento per interloquire con il governo centrale sulle esigenze della citta'. "In questa realta' duramente colpita dalla crisi - ha detto il capogruppo Sel Salvatore Parisi - ognuno deve essere consapevole di una necessaria assunzione di responsabilita' e rendersi protagonista di un riscatto del Mezzogiorno. Auspicabile, percio', che il Prefetto svolga un ruolo delicato di raccordo per la convergenza di tutte le Istituzioni". Il sindaco ha rinnovato l'invito ad un lavoro sinergico al servizio dei cittadini per affrontare tre tipi di problemi: i problemi del quotidiano, del coordinamento delle forze pubbliche e l'attuazione del federalismo fiscale. Prematuro, per De Martino, parlare di programmi e strategie ed alla crisi del "sistema della sicurezza" si deve opporre un forte intervento dello Stato. Sicurezza non solo come contrasto alle grandi criminalita' ma anche come sicurezza urbana e, per questo, e' vitale una collaborazione intensa con l'Amministrazione per bonificare il territorio. Dobbiamo superare questo pessimismo diffuso e tutti, fieri di essere napoletani, dovranno contribuire con piccoli passi, a partire dagli organi di informazione. Napoli non deve pagare un prezzo rispetto ad altre realta' e, pur vantandosi come citta' aperta di rispettare le persone umane, non si deve tralasciare il ricorso ad una pressione contenitiva su presenze irregolari".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©