Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sul social network il suo nome è 'Gialuca da Tortuga'

Il presidente di Casapound gioisce su Facebook della morte di Pietro Saviotti

Per il vicepresidente Antonini "non è pubblica esternazione"

Il presidente di Casapound gioisce su Facebook della morte di Pietro Saviotti
12/01/2012, 15:01

 Tra tanti messaggi di cordoglio, c'è chi ha festeggiato la morte del procuratore aggiunto di Roma Pietro Saviotti, capo del pool anti-terrorismo. Il presidente di Casapound Italia Gianluca Iannone, nome in codice su Facebook 'Gialuca da Tortuga', ha commentato il decesso di Saviotti con le parole “Il 2012 si apre con prospettive interessanti... Evviva”.
Il procuratore Saviotti si è occupato di molte vicende legate al terrorismo in Italia. Di recente stava lavorando a un'indagine su un sito web che inneggia al fascismo. Ha guidato anche le indagini sulle minacce del mese scorso rivolte ai politici e ha seguito in prima persona gli scontri del 15 dicembre a Roma. Saviotti è stato stroncato da un infarto ieri mentre usciva dalla Procura. Molti politici, rappresentanti delle istituzioni hanno rivolto un messaggio di cordoglio al procuratore, mentre la frase di Iannone compare sul social network in segno del disprezzo.
Il vicepresidente di Casapound Italia Andrea Antonini ha detto che quella del presidente “non è una pubblica esternazione, ma si tratta di un commento sul profilo personale di Iannone e non su quello di Casapound Italia. Detto questo è francamente ipocrita aspettarsi contrizione da parte nostra, dato che questo pm ha avuto a che fare almeno due volte con noi prima negli scontri studenteschi di Piazza Navona con 12 indagati a torto, come abbiamo sempre ribadito, e poi nel caso di Alberto Palladino, attualmente ai domiciliari in isolamento e prima per 28 giorni in carcere, accusato da Saviotti di lesioni aggravate nei confronti del capogruppo del Pd del IV Municipio Paolo Marchionne. Nessuno quindi si aspetti da noi dolore o ipocrita contrizione”.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©