Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

IL "ROBIN HOOD" DI RIMINI: RAPINA BANCHE E DA' SOLDI AI POVERI


IL 'ROBIN HOOD' DI RIMINI: RAPINA BANCHE E DA' SOLDI AI POVERI
22/02/2008, 19:02

Dopo quasi un millennio da quando fu scritta, la storia prediletta da intere generazioni di bambini del ladro dall’animo nobile che ruba ai ricchi per regalare ai poveri, si muta in realtà, e per un giorno Rimini diventa Nottingham. Qui, infatti, il protagonista di questa vicenda dai toni fiabeschi, Pasquale D’Angelo, 37 anni, originario di Taranto, dopo aver rapinato una banca con una pistola giocattolo, se ne andava in giro a distribuire banconote da cinquanta euro. L’uomo si è poi costituito spontaneamente ai carabinieri, ai quali ha anche confessato che qualche giorno prima aveva messo a segno un altro colpo ad una banca, regalando poi il bottino ai barboni della stazione. In assenza di flagranza di reato, il “Robin Hood” di Rimini se l’è cavata con una denuncia, e qualcuno ha proposto di internarlo e di sottoporlo ad un “trattamento sanitario obbligatorio”. C’è da chiedersi, tuttavia, se il maresciallo non abbia provato qualche rimorso nell’ammanettare quel ladro tanto gentleman.

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©