Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Assolti due esponenti di Forza Nuova

"Il saluto romano non è reato", dicono i giudici


Foto di archivio
Foto di archivio
07/11/2019, 17:58

IMPERIA - Con la motivazione che "il fatto non costituisce reato", il giudice del Tribunale di Imperia ha assolto l'ex assessore del Comune di Diano Castello - comune in provincia di Imperia - ed esponente di Forza Nuova Manuela Leotta e il sanremese Eugenio Ortiz, dall'accusa di apologia di fascismo. I due il 26 aprile del 2015 avevano fatto il saluto romano in una cerimonia tra esponenti di estrema destra per ricordare i morti repubblichini della Seconda Guerra Mondiale. Il Pubblico Ministero aveva chiesto una condanna a 3 mesi di carcere e 300 euro di multa. 

Attenzione al dettaglio: "il fatto non costituisce reato" significa che secondo il giudice il saluto romano c'è stato, ma che non è un reato. E quindi sarebbe curioso sapere per il giudice cosa ci vuole per integrare il reato di apologia del fascismo. In realtà, comunque, questo è l'orientamento di tutta la giurisprudenza in materia di apologia di fascismo e di legge Scelba. CIoè una serie di assoluzioni, una dietro l'altra, con sentenze che hanno progressivamente svuotato la legge stessa. Tanto che oggi è impossibile farsi condannare per reati connessi all'apologia di fascismo o alla ricostituzione del Partito Fascista. Basta solo cambiare il nome al partito...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©