Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Il senso di rivalsa e la mancanza di attenzioni le motivazioni principali del tradimento


Il senso di rivalsa e la mancanza di attenzioni le motivazioni principali del tradimento
04/04/2013, 09:54

Gli uomini che guadagnano meno delle proprie mogli o delle proprie compagne sono più propensi al tradimento. A rivelarlo, una recente ricerca condotta dallo staff di Incontri-ExtraConiugali.com, portale specializzato in tradimenti online, che ha chiesto a 1000 degli iscritti maschi al portale, quale fosse la ragione pratica in grado di condurre l’uomo all’adulterio.

 

Secondo Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com, “gli uomini sono più portati al tradimento rispetto alle donne, anche se attualmente questa tendenza sta subendo un’inversione di rotta. Per gli uomini, però, tradire è da sempre risultato più semplice che per le donne: non è necessario avere una buona motivazione, nella maggior parte dei casi la scappatella fa parte del loro DNA”.

 

Esistono però anche delle ragioni vere e proprie per le quali gli uomini tradiscono. Secondo il 43% degli intervistati, gli uomini tradiscono la propria donna perché guadagnano meno di lei. In questo senso, vedono l’adulterio come una rivalsa, una rivincita nei confronti della propria moglie o compagna. “Questo dato è davvero interessante – commenta Alex Fantini –  I numeri, infatti, ci permettono di capire come gli uomini in realtà si sentano in competizione con la propria donna e vedano il tradimento come una sorta di compensazione”.

 

Il 28% degli intervistati ritiene, invece, che sia la mancanza di attenzione da parte delle proprie donne a condurre gli uomini al tradimento. “Oggi come oggi – continua Fantini – le donne lavorano e investono molto tempo sulla loro carriera e sul prestigio personale, tralasciando delle volte gli affetti. Gli uomini, sentendosi trascurati, cercano altrove quelle attenzioni che non trovano tra le mura di casa.”

 

Per il 17% dei partecipanti all’indagine, la ragione principale del tradimento è la noia. “Sembrerà una motivazione banale, ma la noia in un rapporto di coppia può portare molti uomini a trovarsi un’amante – commenta sempre Fantini – Gli uomini non hanno il coraggio di affrontare la questione noia e i problemi di coppia con la propria donna. Non pensano possa essere produttivo e per questo motivo rincorrono nuovi stimoli e inseguono nuove emozioni in una relazione extraconiugale”.

 

Per il rimanente 14% degli intervistati, infine, la motivazione pratica che spinge al tradimento maschile è il mantenimento dell’autostima. “Gli uomini che tradiscono per rafforzare e mantenere viva l’autostima sanno esattamente come muoversi nella loro doppia vita, in un equilibrio perfetto fra moglie e amanti”, conclude Fantini.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©