Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il si del Senato al decreto Terra dei Fuochi -video

Al via bonifiche e screening salute

.

Il si del Senato al decreto Terra dei Fuochi -video
06/02/2014, 11:37

E’ legge il decreto sulla Terra dei Fuochi. Il provvedimento che sarebbe scaduto l’8 febbraio ottiene il si del Senato, che non ha fatto nessuna modifica al testo licenziato qualche settimana fa dalla Camera.

La prima soddisfazione registrata per il provvedimento arriva dal premier Enrico Letta, che ora invita a metterci impegno nell’applicazione. Soddisfatto anche Don Maurizio Patriciello che ha affermato: “In questo clima di instabilità, in un momento in cui si va a dormire con un Governo e non si sa se ci si sveglierà con un Governo, mettere un punto su questa storia 'Terra dei Fuochi' è per noi importante", e aggiunge: "Questo decreto non ci soddisfa a pieno, lo abbiamo detto più volte però con un Governo debole avere un punto fisso è importante".

Sono tre i capisaldi del decreto: bonifiche, tutela della salute, ripristino della legalità. E dentro, negli articoli finali, si norma anche sull'Ilva. Per il titolare dell'Ambiente Andrea Orlando, che alla Terra dei fuochi aveva dedicato la sua prima visita dopo l'investitura da ministro, si tratta di una "riscossa", di un "punto di partenza" di un percorso, per affrontare "l'emergenza" in quell'area. I punti principali per la parte Terra dei fuochi riguardano l'introduzione del reato di combustione dei rifiuti, strumento utile alla Magistratura per contrastare i roghi di rifiuti, spinta ulteriore sulle bonifiche, conferimento di poteri speciali al prefetto di Napoli, istituzione al Dipartimento della pubblica sicurezza del ministero dell'Interno di un gruppo per il monitoraggio, mappatura dei terreni inquinati, uso dell'esercito per il presidio del territorio, screening sanitario gratuito per Campania e Puglia  con il contributo dell'Istituto superiore di sanità, implementazione dello studio 'Sentieri' sui siti inquinati, maggiore trasparenza per i cittadini, aiuto alla filiera agricola.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©