Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In merito alla sua iscrizione nel registro degli indagati:

Il sindaco di Portici Vincenzo Cuomo : sono sereno


Il sindaco di Portici Vincenzo Cuomo : sono sereno
12/11/2010, 18:11

Ha destato molto scalpore dopo la chiusura delle indagini in merito all’emergenza rifiuti in Campania lo scorgere  tra i nomi dei sindaci indagati per epidemia colposa quella del sindaco di Portici Vincenzo Cuomo. Va detto che la contrarietà è arrivata immediata e bipartisan perché se c’è un comune che ha gestito l’emergenza rifiuti in modo ottimale tanto da evitarla è proprio quello di Portici. Il sindaco, Cuomo, in trasferta a Pavia per un incontro dell’Anci si è detto amareggiato ma sereno per questa decisione ed incalzato dalle nostre domande ha dichiarato << è una situazione paradossale anche se continuo ad avere fiducia nella Giustizia, per ben tre volte  il pm ha mandato in comune forze dell’ordine a ritirare la documentazione e per tutte le volte gliele sono state fornite. Poi - continua -dopo aver saputo di essere indagato sono stato personalmente alla procura per consegnare nuovamente la documentazione al Pm , senza avvocato perché non credo di dovermi difendere da nulla e questo me lo hanno riconosciuto in molti, inoltre il Procuratore Capo della Repubblica mi ha fatto i complimenti per la gestione ottimale che avevo avuto a Portici durante l'emergenza rifiuti. Quindi sono fiducioso che tutto si chiarirà>>.
Sindaco ieri si è tenuta la conferenza stampa in cui sono stati resi noti i risultati delle analisi sulla cava Sari c osa ne pensa?
<<Non ho avuto ancora modo di leggere quei dati in maniera dettagliata, però ci tengo a dire che esiste una grande differenza tra falde acquifere e risorse idriche è bene che questo si specifichi in modo da non creare falsi allarmismi, mi sento, inoltre, di dire che ostacolare che gli autocompattatori portino i rifiuti alla cava non risolverà di certo i problemi>>.
Visto che la città che amministra si è distinta per la raccolta differenziata cosa si sente di consigliare per la  nuova emergenza rifiuti?
<<Ci deve essere una responsabilità comune da parte di tutti , rispettare la raccolta differenziata è già un passo avanti perché arrivano alla cava solo il secco e l’indifferenziato e dunque non l’organico che comporta i nauseabondi odori che ne conseguono. La ricetta per ristabilire una tranquillità sta nel realizzare della discariche a norma per le quali già deve essere prevista e programmata la bonifica quando raggiunge la saturazione. Il rispetto e l’osservazione della raccolta differenziata che permette una notevole riduzione dei rifiuti ed un controllo vigile e continuo che comporti una sanzione a quei comuni che non rispettano le norme con eventuali aumenti della Tarsu in modo da responsabilizzare i cittadini>>.
Quindi è importante una collaborazione da parte di tutti, amministratori e cittadini...
<<Certo, assolutamente,  credo che una collaborazione da parte di tutti potrà farci uscire da questo empasse definitivamente>>.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©