Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Adesso vuole eliminare il video postato su Youtube

Il sindaco di Sulmona: "I gay? Una aberrazione genetica"



Il sindaco di Sulmona: 'I gay? Una aberrazione genetica'
17/06/2011, 09:06

SULMONA (PESCARA) - E' polemica per le dichiarazioni di Fabio Federico, sindaco di Sulmona, postate su Youtube. Sono dichiarazioni che risalgono al 2006, quando Federico faceva parte di An. Venne invitato ad una trasmissione Tv locale abruzzese, in cui rispondeva anche alle domande dei telespettatori. Per chi non ricorda il periodo, all'epoca si parlava dei Pacs, come possibilità di regolare giuridicamente la posizione delle coppie di fatto, anche omosessuali, che oggi non hanno alcuna tutela legale.
E qui l'attuale sindaco abruzzese si scaglia contro i gay, dicendo che "se hai i cromosomi maschili X e Y, se hai gli ormoni maschili, fai il maschietto, altrimenti fai la femminuccia". E poi rincara la dose: "Sappiamo che esistono aberrazioni genetiche dove non si sa se uno è maschio o femmina". Poi la concessione: "Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di scelte fatte per un gusto personale. Niente a che dire sul gusto. Ogni omosessuale può vivere la sua vita sessuale come meglio crede. Se gli piace, gli piace. Non posso certo giudicarlo".
Il sindaco passa anche sul personale, dicendo che ha due figlie femmine che si comportano da femmine. E poi aggiunge: " Se poi dovessi vedere che le cose non vanno tanto bene, le farei curare. Chi è omosessuale fa una scelta contraria a quella indicata dalla natura". Infine, attacca Emma Bonino sui Pacs: "Non posso pensare che queste famiglie possano regolarmente adottare dei bambini. Il condizionamento psicologico sarebbe tale, che questi bambini avrebbero sicuramente dei problemi. Sono contrario all'equiparazione tra famiglie omosessuali ed eterosessuali".
Pochi giorni fa il video è stato postato e Federico ha chiesto la Tribunale la rimozione del video, che era stato rieditato in versione satirica, sostenendo che era lesivo della sua immagine. Accontentato dal Tribunale, ora si ritrova il video allegato, che è la versione integrale non manipolata. Qualcuno può sostenere: "Beh, ma sono passati cinque anni, avrà cambiato idea". Non è così. Interpellato da diversi organi di stampa, ha confermato fino all'ultima parola la sua convinzione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©