Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo ennesimo attentato

Il sindaco Salvatore Albano provato, ma non si arrende


Il sindaco Salvatore Albano provato, ma non si arrende
16/11/2012, 19:32

PORTO CESAREO - Il sindaco di Porto Cesareo, vittima pochi giorni fa di un ennesimo attentato che ha causato la distruzione dell’auto di sua moglie, ha dichiarato: “Sono provato dai continui attacchi subiti, non posso negarlo. Lo sono soprattutto perché colpiscono la mia casa e la mia famiglia”.

Il primo cittadino della cittadina leccese aveva già subito circa cinque mesi fa atti intimidatori.

 Salvatore Albano ha poi dichiarato: “Quando prendo un impegno, per indole e professionalità, lo porta sempre a termine. Per questo, conscio di fare a pieno il mio dovere di sindaco democraticamente eletto dai cesarini ho scelto anche questa volta di continuare ad operare da amministratore, per il bene della comunità”.Il sindaco ha poi concluso dicendo: “Cercherò come ho sempre fatto sin dal primo giorno del mio insediamento di lavorare con alto senso civico e serietà, per pianificare e programmare al meglio e nell’interesse di tutti lo sviluppo e la crescita economica, sociale e culturale di questo splendido territorio. Lo farò anche grazie ad un gruppo di consiglieri comunali ed amici che mi accompagnano e sorreggono correttamente in questa esperienza amministrativa, anche e soprattutto nei momenti più difficili del percorso. Da ultimo il mio ringraziamento emozionato debbo inoltrarlo a tutti i sindaci, alle amministrazioni locali, ai presidenti assessori e consiglieri della Regione Puglia e Provincia di Lecce, ai parlamentari e a tantissima parte della popolazione salentina, che mi hanno dimostrato con note ed attestati tanta solidarietà, vicinanza ed affetto”.

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©