Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo il provvedimento della Procura di Torre Annunziata

Il Sindaco si muove per sopperire alle “assenze” forzate


Il Sindaco si muove per sopperire alle “assenze” forzate
22/04/2011, 16:04

BOSCOREALE- Dopo lo scandalo e lo stupore arrivano i problemi pratici. Tutte le funzionalità del municipio di Boscoreale, infatti,  dopo i provvedimenti presi dalla Procura Di Torre Annunziata nei confronti dei 4 1 dipendenti indagati e provenienti da tutti i settori dell’Ente, ad eccezione della Polizia Locale,  si è creata una  paralisi delle attività lavorative che ricade in primis sulla popolazione. Per questo motivo il sindaco Gennaro Langella  ha insediato in via permanente una conferenza dei servizi composta da capi settore, segretario generale, giunta comunale, presidente del consiglio comunale e capi gruppo consiliari di maggioranza, allo scopo di individuare soluzioni immediate che consentano di assicurare la ripresa della funzionalità dei diversi servizi in ginocchio per mancanza di personale:“Stiamo studiando la possibilità di procedere al reperimento di risorse umane dall’esterno – afferma Langella- per coprire particolari posti quali geometri, la cui attività, specie nel settore urbanistica, è strettamente collegata, quotidianamente, con la lotta al fenomeno dell’abusivismo edilizio. Ci rivolgeremo, quindi, all’ordine professionale per selezionare personale con procedura ad evidenza pubblica e chiederemo, nell’immediato, un elenco di tecnici da poter assumere da subito a tempo determinato” ha concluso. Tutti i settori menomati sono sotto esame per poter trovare una soluzione almeno temporanea e creare meno disagi possibili. In merito alla posizione dei lavoratori, spiega il Sindaco “Se umanamente siamo vicini ai destinatari dei provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria, è altrettanto vero che non possiamo assolutamente tollerare quanto accaduto e al contempo siamo obbligati dalla vigente normativa, la legge Brunetta, ad assumere ogni atto che tuteli anche l’amministrazione”.  

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©