Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Ministro si rifiuta di rispondere al giornalista

Il Tgr Veneto intervista Brunetta e lui protesta con Masi


Il Tgr Veneto intervista Brunetta e lui protesta con Masi
17/02/2010, 17:02

VENEZIA - Doveva essere un servizio come ce ne sono tanti di questi tempi: una domanda con risposta di 30 secondi ad un candidato sindaco, stessa domanda e stessi tempi per l'altro, si montano insieme i due pezzi e hai il servizio da mandare nel Tgr Veneto. Ovviamente i due candidati sono Renato Brunetta, Ministro per la Funzione Pubblica, e il sindaco uscente Massimo Cacciari. La domanda riguardava l'uscita dalla giunta Cacciari dell'assessore Mingardi. Con Cacciari è andato tutto bene; mentre hanno mandato il giornalista-operatore Claudio De Zan. Ma appena fatta la domanda al Ministro, Brunetta rispondeva che avrebbe risposto solo ad un giornalista. De Zan chiama in redazione ed arriva il giornalista, Beppe Gioia; che fa a Brunetta la stessa domanda, a cui Brunetta però non risponde: "Non voglio parlare di Cacciari, voglio domande intelligenti, sul futuro di Venezia". Gioia gli ha fatto presente che con le regole della par condicio, non possono fare diversamente; ma Brunetta ha risposto picche.
Finita là? No, perchè immediatamente Brunetta chiama il direttore Rai Mauro Masi per protestare (probabilmente perchè avevano osato fargli una domanda, cosa a cui questo governo non è proprio abituato, ndr); Masi a sua volta ha chiamato Alberto Maccari, per "passare" ilrimprovero e Maccari se l'è presa con Beppe Gioia. Quest'ultimo, a sua volta, avrebbe richiamato nuovamente il Ministro Brunetta, per "ringraziarlo" della situazione; al che Brunetta sarebbe andato nuovamente in escandescenze, chiudendo bruscamente la telefonata.
In un altro Paese, un Ministro che agisse così con i giornalisti, finirebbe con l'essere crocifisso su tutti i giornali e su tutte le TV fino a dopo le elezioni o finchè non chiedesse scusa. Scommettiamo che qui non ne parlerà quasi nessuno?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©