Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Vomero si mobilità per dire no alla chiusura della Floridiana

Capodanno: “Già oltre 1.600 adesioni al sit-in"

Il Vomero si mobilità per dire no alla chiusura della Floridiana
23/03/2011, 16:03

Grande mobilitazione al Vomero in vista del sit-in organizzato per sabato prossimo, 26 marzo , con appuntamento alle ore 12:00 dinanzi ai cancelli chiusi da diversi giorni della Villa Floridiana, all’ingresso su via Cimarosa.

“ In tanti anni di attività sul territorio è la prima volta che vedo una partecipazione così corale e sentita, e non solo di vomeresi – afferma Gennaro Capodanno, promotore dell’iniziativa -. I partecipanti all’evento sulla pagina di Facebook ( http://www.facebook.com/event.php?eid=171828846201437 ) hanno già superato i 1.600 ma crescono di minuto in minuto. Ritengo che alla fine si supereranno le 5.000 adesioni “.

“ E’ la testimonianza dell’importanza che riveste nella vita dei napoletani questo polmone di verde, legato a tanti ricordi che hanno accompagnato l’esistenza di ciascuno dall’infanzia all’età matura, come si rileva anche dai numerosi commenti lasciati sulla pagina – puntualizza Capodanno -. Sarà un’esperienza unica che verrà ricordata negli annali. A memoria d’uomo mai un evento organizzato al Vomero ha avuto un riscontro di questa entità “.

“ Molte le associazioni ed i comitati che hanno sin qui dato la loro adesione, con un elenco che cresce con il passare delle ore – continua Capodanno -. Tra gli altri, Noi consumatori, Napoli punto a capo, Comitato civico di Santa Maria di Portosalvo, Associazione Telefono blu Campania, Movimento V.A.N.T.O., Insieme per la Rinascita, Movimento 5 stelle, Centro studi Erich Formm di Napoli “.

“ Non accetteremo mai che si rispolveri il vecchio progetto di consentire l’accesso al parco dietro il pagamento di un ticket – annuncia Capodanno -. Il parco, come avviene da sempre, deve essere fruibile a tutti e gratuitamente, garantendo le condizioni di sicurezza e d’igiene necessarie, attraverso la normale manutenzione “.

“ Auspichiamo anche – conclude Capodanno - che da parte degli organi preposti vengano avviate le opportune indagini, tese a far luce sull’intera vicenda, dal momento che gli eventi che hanno poi generato la chiusura del parco erano ampiamente prevedibili “.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©