Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le reazioni di internet dopo l'insulto del Senatùr

Il web risponde a Bossi:"Sono pazienti questi romani"


Il web risponde a Bossi:'Sono pazienti questi romani'
27/09/2010, 17:09

NAPOLI - "2000 anni fa a Roma con la sigla SPQR si definiva l'unione tra il Senato (quindi governo) e il popolo di Roma. E anche l'imperatore era al servizio del Senato e del popolo. Ogni istituzione publica era SPQR. Ma oggi ha ragione Bossi, il Senato non è più al servizio del popolo, oggi invece è il popolo al servizio di senatori come lui".
Così uno dei netsurfer più pacati ed eruditi risponde all'ennesimo insulto (per la verità molto poco originale) lanciato da Umberto Bossi nei confronti della tanto odiata "Roma Ladrona".
Il Senatur, infatti, nella giornata odierna aveva deciso di rispescare una reinterpretazione del noto S.P.Q.R proponendo l'inflazionatissima storpiatura "Sono porci questi romani". Tra i dotti che rispondono al leader leghista attraverso il sempre attento ed attivo web c'è anche chi si riferisce al legendario Umberto da Giussiano e lo interroga:"Quo usque tandem abutere patientia nostra?" (per quanto potrai ancora abusare della nostra pazienza?")". Dalle citazioni latine si passa poi agli slogan da stadio decisamente più spiccioli che recitano "ictus uno dei nostri".
Qualcun altro, più ironico, si inventa finti lanci d'agenzia:"Bossi: "S.P.Q.R. Sono Porci Questi Romani". La biblioteca di Gemonio: ora che l'ha finito, finalmente ci restituirà l'albo di Asterix". E ancora:"Polverini: "Mi auguro che il governo prenda le distanze da queste volgarità." Tranquilla, fra poco lo doppiano pure". 
Come intuibile, qualche frecciata, arriva anche al giovane delfino-trota Renzo:"Sono porci questi romani', scandisce Bossi fra gli applausi del pubblico e le risate del figlio. L'ha capita pure lui". E date le continue, ipocrite e gratuite bordate di bossiana matrice, come riporta anche La Repubblica, la miglior risposta che si può dare al leader del Carroccio è che, alla fine "Sono Pazienti Questi Romani". Del resto chi meglio dei leghisti duri e puri può essere dipinto come il classico bamboccio viziato e frignone che si lamenta ed urla "questa pasta al sugo fa schifo" con il musetto sporco di ragù?

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©