Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sigle sindacali sul piede di guerra

Ilva, Procura dice no al dissequestro


Ilva, Procura dice no al dissequestro
22/11/2012, 21:43

TARANTO – Solo pochi giorni fa il Presidente dell’Ilva chiedeva il dissequestro perché, in caso contrario, sarebbe costretta a chiudere. Oggi, arriva la decisione della Procura di Taranto: all’azienda siderurgica non sarà concesso il dissequestro dell’impianto dell’area a caldo dell’Ilva di Taranto. Il parere contrario dei pm è stato trasmesso nel primo pomeriggio all’ufficio del gip Patrizia Todisco che dovrà assumere la decisione.
Con un’istanza depositata due giorni fa, il presidente dell’Ilva, Bruno Ferrante dichiarava che il dissequestro degli impianti era fondamentale per attuare le prescrizioni impiantistiche e ambientali fissate dall’Aia rilasciata dal ministero dell’Ambiente. Sul piede di guerra le segreterie nazionali dei sindacati dei metalmeccanici Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil: “Gravi e inaccettabili le dichiarazioni dell’Ilva sulla possibile chiusura dello stabilimento di Taranto. È urgente la convocazione da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri”. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©