Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Non c'è traccia di radioattività nel suo organismo

Imane Fadil: l'autopsia non spiega le cause della morte


Imane Fadil: l'autopsia non spiega le cause della morte
21/03/2019, 18:20

MILANO - Non ha dato risultati definitivi l'autopsia fatta su Imane Fadil, la modella che diede ai magistrati i dettagli delle "cene eleganti" (che non erano solo cene) nella villa di Arcore di Berlusconi e che è morta il primo marzo scorso. L'esame del fegato e dei reni per ora ha escluso la presenza di materiali radioattivi. Siesaminano il fegato e i reni perchè sono i due organi che depurano il sangue; e quindi o l'uno o l'altro (o entrambi) conservano tracce di qualsiasi materiale dannoso passi nell'organismo. 

Tuttavia, sono stati notati valori estremamente alti di metalli pesanti, come cromo, molibdeno, cadmio e antimonio. Nessuno di questi metalli era in concentrazioni tali da uccidere; ma la loro concentrazione era anormalmente alta, cosa che potrebbe aver contribuito alla morte della ragazza, se non averla causata. L'altra alternativa ipotizzata è una malattia autoimmune (cioè con i globuli bianchi che attaccano le cellule sane dell'organismo anzichè batteri e virus), ma il fatto che non sia stata diagnosticata durante gli oltre 40 giorni in cui la ragazza è stata ricoverata indicherebbe una variante particolarmente rara. Le analisi non sono finite qui; ma per i risultati delle altre indagini mediche si dovranno aspettare parecchi giorni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©