Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Ma per ora esiste un solo distributore in tutto il Paese

Immatricolata in Italia la prima auto ad idrogeno


Immatricolata in Italia la prima auto ad idrogeno
12/04/2019, 17:06

BOLZANO - Tra i dati sulle vendite di auto del primo trimestre del 2019, spicca un dato minuscolo ma importantissimo: la vendita della prima autovettura alimentata ad idrogeno. Si tratta di una Hyundai Nexo, dal prezzo non economico di 69 mila euro. E' stata venduta a Bolzano alla società Autostrade per l'Italia S.p.a. 

Il problema è che a Bolzano c'è l'unica colonna a cui fare rifornimento (anche se è in progetto di costruirne anche una a Roma e una a Milano) e che, come abbiamo visto, i prezzi non sono esattamente abbordabili. I vantaggi di tali auto sono innanzitutto l'inquinamento zero (dal tubo di scarico esce solo acqua calda) e poi la massima silenziosità. Infatti l'idrogeno viene ionizzato e quindi trasformato in un flusso di elettroni che fa funzionare un motore elettrico. Ma a differenza delle altre auto elettriche, non richiede pesanti batterie e ha una autonomia che arriva a 600 Km. Gli svantaggi per ora sono tanti. innanzitutto l'idrogeno non è facile da produrre; e creare una rete di gasdotti che contengono idrogeno richiede forti investimenti. Inoltre, anche se oggi la tecnologia è migliorata, l'idrogeno resta un gas pericoloso da trattare: se entra in contatto con l'ossigeno, crea una miscela esplosiva. Tuttavia molte case automobilistiche ci hanno fatto un pensierino: oltre alla Hyundai, anche la Toyota e la Volkswagen hanno un modello ad idrogeno nel loro catalogo. Ma per il momento è ancora poco per pensare ad una diffusione di massa. Tuttavia, vale il discorso che vale per ogni novità tecnologica: più si vende, più le società hanno soldi da investire in quella tecnologia; più una tecnologia si sviluppa, più diviene economica. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©