Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il marocchino si è cosparso di gasolio e bruciato in piazza

Immigrato perde lavoro e permesso e si dà fuoco


Immigrato perde lavoro e permesso e si dà fuoco
04/05/2013, 17:10

RIMINI - Si è dato fuoco tra la gente perchè la Questura non gli ha rinnovato il permesso di soggiorno. Disperato per il probabile rimpatrio e per aver di recente perso il lavoro: sarebbero questi i motivi per i quali un marocchino di 45 anni, a Rimini, si è cosparso di gasolio, dandosi fuoco a mani e collo.
Prima del gesto che ha definito "dimostrativo" (perché non aveva l'intenzione di togliersi la vita) ha chiamato il 117, il numero delle segnalazioni della Guardia di Finanza, dicendo che si sarebbe incendiato se non lo avessero messo in contatto con il prefetto. Quando l'operatore delle Fiamme Gialle ha tentato di calmarlo, avvisando che sul posto avrebbe inviato una pattuglia della polizia, il marocchino ha esclamato un "no" disperato, si è diretto verso il centro della piazza, sotto il palazzo comunale e davanti alle cantinette, la zona della movida notturna riminese, si è cosparso di gasolio e con un accendino si è dato fuoco.
Il 45enne è stato dapprima soccorso da alcuni passanti che gli hanno gettato addosso i giubbotti per soffocare le fiamme poi, quando sono arrivati, i vigili del fuoco l'hanno cosparso d'acqua per eliminare i residui di liquido infiammabile. L'uomo ora è ricoverato all'ospedale Bufalini di Cesena. Non è in pericolo di vita, ma ha riportato ustioni di secondo e terzo grado sul braccio destro, il collo e le mani.
Dopo averlo identificato, la polizia ha potuto ricostruire le vicende personali del 45enne, ben conosciuto dalle forze dell'ordine per una serie di reati. Risulta denunciato per furto, droga, ricettazione, resistenza, guida in stato di ebbrezza e violenza sessuale. In Italia da almeno dieci anni con permesso di soggiorno, è già stato detenuto per i vari episodi. Dopo un passato burrascoso, il 45enne quest'anno aveva trovato lavoro per un breve periodo come manovale sul cantiere per la terza corsia dell'A14. Quando è rimasto senza lavoro e, a causa dei precedenti, allo scadere del permesso di soggiorno, in marzo, la questura gli ha negato il nulla osta per rimanere in Italia.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©