Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Immigrato picchiato e bruciato: grave, ma non in pericolo di vita


Immigrato picchiato e bruciato: grave, ma non in pericolo di vita
02/02/2009, 08:02

Moderato ottimismo dei medici del Centro grandi ustionati dell'ospedale Sant'Eugenio di Roma sulle condizioni dell'immigrato indiano di 35 anni picchiato e bruciato ieri mattina alla stazione di Nettuno, a pochi chilometri da Roma, episodio per il quale tre giovani, uno minorenne, sono stati fermati dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio. La vittima della brutale aggressione "non è in pericolo di vita", come ha riferito il primario Paolo Palumbo al Giornale Radio Rai, parlando di ustioni diffuse sul 40 per cento del corpo, prognosi ovviamente riservata. Il medico ha sottolineato che "è forse troppo presto per fare previsioni" e dunque domina la cautela, anche se c'è ottimismo. Il nuovo bollettino medico sulle condizioni dell'uomo è previsto per le 17 di oggi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©