Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

IMMIGRATO SUICIDA IN OPG DI AVERSA


IMMIGRATO SUICIDA IN OPG DI AVERSA
01/04/2008, 11:04

Torna l'allarme del disagio nelle carceri che induce i detenuti al suicidio. A rendere noto l’ennesimo inquietante episodio verificatosi domenica scorsa ad Aversa, in provincia di Caserta, è stato Dario Stefano Dell'Aquila, presidente dell'associazione Antigone: a togliersi la vita, questa volta, è stato un immigrato di 36 anni che si trovava recluso all'interno dell'ospedale psichiatrico giudiziario. Nel divulgare la notizia, Dell’Aquila ha anche precisato che si tratta del terzo suicidio in tre mesi che si registra all’interno della medesima struttura. "Sono tre i suicidi nell'Opg dall'inizio dell'anno. Complessivamente, nel giro di sedici mesi contiamo sei suicidi ed un tentato suicidio. E' evidente - prosegue Dell'Aquila - che ci troviamo di fronte ad una evidente situazione di crisi della struttura e più in generale del fallimento del modello manicomiale. Alla luce di tutto questo - conclude - riteniamo sia necessario garantire in tempi rapidi l'esecutività della riforma della sanità penitenziaria appena approvata dalla Conferenza Stato Regioni. E' indispensabile un percorso che porti alla chiusura e al superamento dei manicomi giudiziari". L'uomo, secondo quanto riferito da Dell'Aquila, aveva già tentato altre volte il suicidio.

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©