Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'inchiesta è iniziata più di un anno fa

Immigrazione clandestina, arrestati decine di trafficanti

Arresti in diverse regioni italiane

Immigrazione clandestina, arrestati decine di trafficanti
06/07/2011, 09:07

Dalle prime ore dell'alba gli investigatori del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e delle Squadre Mobili di Lecce, Bologna e Ravenna, coordinati dalla Direzione Nazionale Antimafia e dalle Autorità Giudiziarie di Bologna e Lecce, stanno provvedendo all'arresto di decine di persone appartenenti ad un'organizzazione criminale che ha fatto arrivare clandestinamente in Italia migliaia di migranti, per poi trasferirli in altri Paesi europei.
L'inchiesta, partita nel 2010, in seguito alla registrazione dell'incremento dei flussi migratori irregolari verso il nostro Paese, ha consentito di ricostruire l'organigramma dell'organizzazione, individuando l'attività di diverse cellule presenti nel nostro Paese, in particolare a Roma, Milano, Cremona, Bologna , Bergamo, Brescia, Teramo, Ascoli Piceno e Bari, come la diramazione dei vertici operativi presenti in Grecia e Turchia.
L'operazione si sta svolgendo in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Abruzzo, Puglia e Calabria, ed è rivolta a trafficanti di uomini (soprattutto di origine afghana, irachena, pachistana e indiana) a cui vengono contestati il reato di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e l'accusa di aver esposto i clandestini al costante pericolo di vita. Questi ultimi, infatti, viaggiavano sia attraverso piccole imbarcazioni dirette alle coste pugliesi che su navi di linea dirette ai porti dell'Adriatico e, una volta giunti in Italia, venivano poi trasferiti in Germania, Austria, Svizzera, Francia, Belgio, Danimarca dagli esponenti dell'organizzazione criminale.
I dettagli dell'operazione e i risultati conseguiti saranno meglio illustrati questa mattina nel corso della conferenza stampa che si terrà presso la Direzione Nazionale Antimafia a Roma, alle ore 11,00.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©