Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

“Fate da soli e non esagerate. Non necessario intervento Ue”

Immigrazione: la Germania bacchetta l’Italia


Immigrazione: la Germania bacchetta l’Italia
09/07/2011, 11:07

ROMA - Bisogna essere severi con gli immigrati clandestini ed essere aperti con quelli regolari, dei quali l’economia italiana ha bisogno. E di fronte alle ondate di sbarchi a Lampedusa, scelta come approdo in quanto è il lembo di Europa più vicino, l’Unione Europea deve dare una mano all’Italia. Ne è convinto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ne parla al suo omologo tedesco, Christiann Wulff, che però sembra concordare su tutto, ma non sul caso di Lampedusa. Infatti obietta: “L’Italia non deve esagerare il problema che nelle dimensioni attuali non è certo un caso che richiede la solidarietà dell’Europa”.
Wulff, proprio sull’emergenza immigrazione in Italia e su come il Belpaese si stia misurando con essa, ci tiene a spiegare il punto di vista della Germania. E non usa mezzi termini nel ritenere esagerato il comportamento dell’Italia, che pare essere non in grado di gestire l’emergenza da sola. Negli anni della crisi balcanica, ha voluto ricordare Wulff, il mio Paese ha accolto ogni anno molti più dei 40-50 mila immigrati arrivati quest’anno a Lampedusa, e la Germania con ha chiesto agli altri Paesi europei di condividere questo problema. Il monito della Germania all’Italia suona in maniera chiara: adesso l’Italia è in condizioni di gestire il caso Lampedusa e deve farlo.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©