Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Immigrazione, Ligabue a Bruxelles: "il futuro passa dalle frontiere aperte"


Immigrazione, Ligabue a Bruxelles: 'il futuro passa dalle frontiere aperte'
13/04/2011, 11:04

Oggi al Parlamento europeo, il cantautore al dibattito “L’Italia che non si arrende. L’Italia che guarda al futuro e all’Europa” con Rita Borsellino, David Sassoli e il regista del docu-film "Niente paura", Piergiorgio Gay. "Uscire dall'Europa? Una proposta che non è commentabile"

"Il futuro passa attraverso le frontiere aperte, attraverso lo scambio proficuo tra popoli e culture". Lo ha detto Luciano Ligabue nel corso del dibattito con gli europarlamentari Rita Borsellino e David Sassoli e il regista Piergiorgio Gay, che si è svolto questo pomeriggio nella sede di Bruxelles del Parlamento europeo. L'occasione è stata la presentazione del docu-film "Niente paura" di Gay, che affronta, tra gli altri temi, quello dell'immigrazione e del razzismo. Nel corso dell'incontro, un gruppo di giovani italiani dell'associazione Liberi tutti ha lanciato un appello all'Unione europea per chiedere un maggiore impegno degli Stati membri nell'affrontare il dramma dei migranti in arrivo dall'Africa. Un monito e un richiamo all’unità e ai valori fondanti della comunità europea che è stato sottoscritto da Ligabue, dalla Borsellino e da Sassoli. "Uscire dall'Europa? Una proposta che non è commentabile", ha detto il cantautore emiliano in merito alle polemiche di questi giorni tra Italia ed Europa. " La paura ti chiude in casa - ha aggiunto Ligabue - non ti fa uscire, ti paralizza. Per questo motivo, se c´é qualcosa che possiamo fare, è dire che bisogna averne il meno possibile, perché tanto ci pensa la vita. E nella vita dobbiamo avere fiducia".

Sulla stessa linea la Borsellino: "Serve una risposta forte in termini di solidarietà nei confronti dei migranti. Non possiamo farci sopraffare dagli egoismi dinanzi a una tragedia di queste proporzioni, come quella che sta avvenendo nel Mediterraneo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©