Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Amendola: "Scongiurata una tragedia"

Immigrazione: nave bloccata in porto, trovata una soluzione


Immigrazione: nave bloccata in porto, trovata una soluzione
14/04/2010, 14:04


NAPOLI - Si sblocca la vicenda dei nove extracomunitari presenti sulla nave Vera D, ferma da giorni nel porto di Napoli. Gli africani sono appena scesi dal cargo, per essere condotti nell'ufficio stranieri della questura dove verranno avviate, secondo quanto si è appreso, le pratiche per la concessione dell'asilo politico. La Vera D dovrebbe quindi ripartire al più presto. "Questa è la conclusione del primo atto di una vicenda umanitaria che poteva tramutarsi in tragedia" a dichiararlo è Enzo Amendola, segretario regionale del Pd Campania. "Sono evidenti le incoerenze e le negatività della legge sull'immigrazione Bossi - Fini. Addirittura tra i nove migranti, che hanno fatto tutti richiesta di asilo politico, c'erano minorenni in viaggio da marzo che dovevano essere ospitati" spiega Amendola "Merito va a chi si è mobilitato in queste ore: sindacati, rete antirazzista, associazioni e parlamentari Pd. Abbiamo dimostrato - continua Amendola - che Napoli è una città accogliente e che, di fronte ai drammi dell'immigrazione la burocrazia e le rigidità di una legge sbagliata possono causare tragedie umane" "Mi chiedo ancora - sottolinea Amendola a conclusione dei due giorni di presidio nei pressi della nave - perché qualcuno voleva che questa nave ripartisse ieri sera con a bordo minorenni e giovani richiedenti asilo politico a cui veniva negato il diritto all' accoglienza. Ora inizia il secondo atto. Ci auguriamo che le autorità competenti si prendano cura dei ragazzi, ascoltino le loro storie e garantiscano i loro diritti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©