Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

IMMIGRAZIONE: RECORD NEL 2008, IN AUMENTO LE DONNE


IMMIGRAZIONE: RECORD NEL 2008, IN AUMENTO LE DONNE
13/11/2008, 11:11

Nella notte è stato soccorso, al largo di Lampedusa, l'ennesimo barcone di extracomunitari. Questa volta ne sono 274, di cui 45 donne e 11 minori. Sono tanti, ma quest'anno tutti gli indicatori che riguardano l'arrivo di extracomunitari clandestini sono schizzati verso l'alto. E quindi aumentano le richieste di asilo; aumentano le persone irregolari trovate dalle forze dell'ordine, anche se non aumenta il numero dei controlli; aumenta il numero degli "overstayers" cioè di coloro che entrano con un visto turistico o di studio e poi si trattengono oltre la loro scadenza, magari con un lavoro in nero. E così via. Ma soprattutto aumentano le donne e i minori che arrivano, quasi il triplo rispetto all'anno scorso. E questo è dovuto alla situazione in Africa. Infatti di solito gli uomini decidono di correre i rischi di venire qui clandestinamente per motivi economici: trovare un lavoro, guadagnare e mandare soldi ai propri familiari. Ma quando scoppia la guerra, come quella in corso tra Eritrea e Somalia, allora scappano le donne e i bambini. Si tratta di persone che potrebbero ricongiungersi con i loro familiari legalmente, ma preferiscono affrontare i rischi dell'arrivo clandestino che le lungaggini burocratiche che sono necessarie per legge, visto che spesso abitano in paesini non collegati col resto del Paese. E non si tratta di un viaggio facile: camminare in territori desertici o semidesertici per centinaia di chilometri, esposti al pericolo di essere seviziate o stuprate da banditi o da soldati, come di essere uccisi, molti di loro muoiono per strada. Per gli altri c'è l'ultimo rischio: salire su una fragile e corrosa imbarcazione, sperando che resti a galla il tempo necessario per arrivare vicino al territorio italiano, spagnolo o greco, nonostante il sovraffollamento.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©