Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Immigrazione, Santori: “Europa risorgi.Roma sarà con te”


Immigrazione, Santori: “Europa risorgi.Roma sarà con te”
09/04/2011, 12:04

“L’Europa deve risorgere facendosi carico delle incessanti richieste di sicurezza che provengono dal territorio e che reclamano uno spirito unitarista che ha accomunato e deve continuare ad accomunare tutti gli Stati Membri. Se così non sarà l’Italia dovrà proteggere i propri confini respingendo, anche in acque internazionali, i clandestini” lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale a margine della celebrazione del funerale simbolico all’Europa, con tanto di bara e corona di fiori, deposte oggi dinanzi alla sede dell’Unione Europea, in via IV Novembre, alla presenza dei consiglieri municipali del Pdl che hanno aderito all’evento: Francesco Corsi del VI Municipio, Emiliano Corsi e Sergio Paoletti del VII Municipio, Ida D’Orazi e Augusto Santori del XV Municipio, Antonio Aumenta e Marco Giudici del XVI Municipio.



“Le grandi metropoli, in caso di afflussi anomali di immigrati, sono le aree del territorio nazionale più esposte all’invasione incontrollata ed è per questo che abbiamo chiesto più rispetto per la città di Roma consegnando un documento al vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani, che ringraziamo per il suo impegno a favore dell’Italia e per aver accolto il nostro appello. Siamo certamente soddisfatti dell’accordo Italia-Francia, che prevede il pattugliamento delle coste per evitare nuove partenze e auspichiamo che, nell'ambito del Consiglio dei ministri d'Europa, ci sia un sussulto di orgoglio e dignità dell’UE affinché venga attivata la direttiva 55 del 2001 che stabilisce forme di protezione umanitaria. E’ necessario, però, rendere operativa l’agenzia Frontex per proteggere i confini europei nel Mediterraneo anche dai probabili sbarchi che ci saranno al termine della guerra in Libia” - conclude Santori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©