Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Da ieri l'uomo ha esposto un manifesto sulla Basilica

Imprenditore protesta sul Cupolone di San Pietro

"Help!!! Basta Monti, basta Europa, basta multinazionali"

Imprenditore protesta sul Cupolone di San Pietro
03/10/2012, 10:18

ROMA - Non si è accontentato di ribellarsi alle istituzioni, ha voluto manifestare il suo dissenso dall’alto di un edificio simbolo del potere spirituale. Ha dormito sulla cupola di San Pietro questa notte. Ieri un imprenditore triestino ha scalato la più grande delle basiliche papali di Roma, la Basilica di San Pietro. Marcello Di Finizio si è arrampicato sul Cupolone per la seconda volta dopo circa due mesi. L’uomo si sarebbe calato dalla ringhiera del Cupolone nel pomeriggio dopo essere entrato come un semplice turista in visita alla Basilica. Dalle ore 17 di ieri l’uomo è su un fregio della Basilica al di sopra di una finestra del Cupolone con uno striscione che recita: “Help!!! Basta Monti, basta Europa, basta multinazionali. Ci state ammazzando tutti. Sviluppo??? Questa è solo macelleria sociale”.
Dopo ore di protesta silenziosa, ma sicuramente originale, l’uomo ha ottenuto verso le ore 23 un colloquio telefonico con il ministro al Turismo e allo Sport Pietro Gnudi e il ministro agli Affari europei Enzo Moavero. I due uomini di governo non sono riusciti a convincere Di Finizio a scendere dalla Basilica. Intanto alle tra pochi minuti il Papa terrà l’udienza generale in piazza San Pietro e l’uomo non accenna a fermare la sua protesta, nonostante la Gendarmeria vaticana abbia chiamato i vigili del fuoco per intervenire. Di Finizio protesta contro una direttiva europea che impone di mettere all’asta le concessioni in riva al mare entro il 2015. Già quest’estate, il 30 luglio l’uomo si era arrampicato sul Cupolone, sempre per protestare contro la direttiva Bolkestein.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©