Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Scoperti traffici di stupefacenti e omicidi risalenti

Imprenditori del nord affiliati alla ndrangheta.8 arresti


Imprenditori del nord affiliati alla ndrangheta.8 arresti
08/01/2014, 18:39

MILANO- Imprenditori del nord affiliati alla ndrangheta e ben felici di pagare le cosche in cambio di favori e protezione. Questo emerge dalle indagini eseguite dai carabinieri e Guardia di Finanza coordinati dal pm Paolo Storari. Otto gli arrestati perchè affiliati alla 'ndrina dei Barbaro-Papalia, originaria di Plati' ma presente nell'hinterland milanese ormai da decenni.

Il concetto di infiltrazione della 'ndrangheta nel tessuto produttivo del Nord, ormai, non rende l'idea del fenomeno - ha affermato il pm Storari nel corso della conferenza stampa che si e' tenuta stamattina - perche' sembra presupporre una malattia che aggredisce un corpo sano. Qui, invece, in quasi tutte le indagini, ho visto sempre l'imprenditoria milanese che si rivolge per prima alla 'ndrangheta, e non viceversa".

 Imprenditori come Silvano Scalmana, titolare di numerose discoteche milanesi, che si mette in contatto di sua spontanea volonta' con la cosca per ottenere protezione e di fatto acquistando un "pacchetto completo di servizi", che non includono solo la vigilanza sui suoi locali, ma anche la capacita' d'intimidazione.

Traffici di stupefacenti, omicidi risalenti nel tempo, come quelli di Giuseppe De Rosa, un nomade ucciso nel 1976 alla discoteca "Skylab" e del del brigadiere dei carabinieri Antonio Marino, sono venuti allo scoperto incastrando molti Barbaro-Papalia.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©