Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Imprese, Lombardi (ANCE): “situazione gravissima”


Imprese, Lombardi (ANCE): “situazione gravissima”
08/06/2011, 17:06

«La situazione è di estrema gravità: numerose imprese sono prossime al collasso e, senza concreti interventi c’è il rischio di pesantissime ripercussioni anche dal punto di vista occupazionale. È tempo che la classe politica si assuma le proprie responsabilità, giacché è inammissibile, oltre che insostenibile, che si continuino a far gravare sulle imprese le inefficienze della pubblica amministrazione e le conseguenze del patto di stabilità. Così si porta al collasso l’economia del territorio». Lo dichiara Antonio Lombardi, presidente dell’ANCE Salerno, a margine dell’incontro svoltosi ieri con i segretari delle organizzazioni sindacali di categoria FILLEA Cgil, Luigi Adinolfi, FENEAL Uil, Luigi Ciancio e FILCA Cisl Ferdinando De Blasio. Si è convenuta la programmazione di una manifestazione di piazza per il prossimo mese di luglio, a meno che nei prossimi giorni non vengano risposte concrete alle richieste avanzate da oltre un anno.
«I crediti vantati dalle imprese ANCE per lavori eseguiti, certificati e non liquidati – aggiunge ancora il presidente Lombardi – ammontano ad oltre 400 milioni ed i ritardi medi nei pagamenti da parte degli enti appaltanti superano i 400 giorni. Gli istituti di credito hanno inoltre sospeso qualsiasi forma di anticipazione o sconto sulle fatture emesse. La situazione insomma è davvero insostenibile. Auspichiamo interventi urgenti ed un concreto interessamento anche da parte del Prefetto Sabatino Marchione. Altrimenti nel mese di luglio, l’intero comparto scenderà in piazza. Sollecitiamo interventi da oltre un anno: il tempo dell’attesa è scaduto».
Nel corso del confronto l’ANCE Salerno ha esibito anche gli ultimi dati relativi all’utilizzo del POR Campania: «La spesa delle risorse comunitarie – conclude Lombardi – è ferma ad appena il 6% e l’impegno non supera il 19%. Un trend insostenibile ed intollerabile per un territorio che auspica di uscire quanto prima dalla crisi ».
Durante l’incontro con i sindacati, si è discusso anche di rinnovo del Contratto Integrativo Provinciale, e della realizzazione di un Polo di Eccellenza delle Costruzioni nonché il programma di iniziative per i 50 anni della Cassa Edile.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©