Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nascondeva botti in casa, dovrà scontare un anno e 5 mesi

In carcere padre del bimbo affetto da sindrome Ondine


.

In carcere padre del bimbo affetto da sindrome Ondine
28/05/2010, 16:05

TORRE DEL GRECO - A Capodanno era stato trovato in possesso di fuochi proibiti nella sua abitazione, la stessa datagli in comodato d'uso dal Comune di Torre del Greco e dalla Circumvesuviana nella stazione di via Del Monte per ospitare il figlio, Maurizio, affetto dalla sindrome di Ondine, una rarissima malformazione che lo costringe dalla nascita a dormire con l'ausilio di speciali macchinari, per i quali servono ampi spazi. Ciro Mennella, 38 anni, è finito in manette raggiunto dall'ordine di carcerazione emesso lo scorso 21 maggio dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Ad eseguire l'arresto sono stati i militari dell’aliquota radiomobile di Torre del Greco. Mennella, che è stato portato al carcere di Poggioreale, dovrà scontare una pena di un anno, cinque mesi e 26 giorni di reclusione e dovrà pagare una multa di 500 euro essendo risultato recidivo. Pochi giorni prima del 31 dicembre le forze dell'ordine avevano rinvenuto nella sua abitazione botti illegali, per Mennella erano scattate le manette e una denuncia conclusasi con una condanna. Non sono mancati attimi di tensione al momento dell'arresto: sul posto è arrivata anche un'ambulanza del 118 per prestare assistenza al piccolo Maurizio.

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©