Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È uno dei reati più diffusi nel nostro Paese

In Italia rubate 340 auto, un furto ogni 4 minuti


In Italia rubate 340 auto, un furto ogni 4 minuti
24/03/2011, 12:03

Il furto di veicoli in Italia si conferma uno dei reati più diffuso. Nel 2010, infatti, sono state rubate nel nostro Paese 124.197 vetture, 38.783 motocicli e 2.908 automezzi pesanti. Sono i dati che emergono dal Dossier Furti 2010 curato da LoJack Italia, azienda leader nel rilevamento e recupero dei veicoli, sulla base dei dati forniti dal Ministero dell’Interno. Lo scorso anno ogni giorno sono state rubate oltre 340 autovetture, circa 14 ogni ora, e una ogni 4 minuti: un bollettino per nulla rassicurante per i possessori di auto, nonostante la diminuzione del numero assoluto dei veicoli sottratti ai legittimi proprietari, passati dagli oltre 222mila annui del 2000 agli oltre 124mila del 2010. Aumenta il numero dei veicoli di cui ogni anno si perde traccia. Le autovetture più rubate dai cosiddetti “topi d’auto” continuano ad essere anche le più popolari, sempre più “ricercate” per la vendita dei pezzi di ricambio o per essere a loro volta vendute sul mercato nero o utilizzate per compiere attività criminali. Ad occupare i primi cinque posti della classifica Top 20 troviamo il Gruppo Fiat con i 5 modelli più venduti: Panda, Punto, Uno, Cinquecento e Lancia Y. “Il furto dell'auto - evidenzia Maurizio Iperti, amministratore delegato di LoJack Italia - è un fenomeno che ormai da anni vede il nostro Paese in cima alle classifiche europee e costituisce una delle principali ansie per chi si appresta ad acquistare un veicolo nuovo o usato, in special modo se di segmento medio-alto. Negli ultimi anni, supportando le Forze dell’Ordine con la nostra avanzata tecnologia in radio-frequenza, abbiamo raggiunto importanti risultati nel contrasto della criminalità, garantendo il recupero del 90% dei veicoli rubati equipaggiati con i nostri dispositivi nelle 48 ore successive al crimine”.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©