Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Scacco matto alla faida di Scampia

In manette Arcangelo Abbinante


.

In manette Arcangelo Abbinante
29/12/2012, 09:10

NAPOLI - Brillante operazione degli Agenti della Squadra Mobile di Napoli agli ordini del Questore Luigi Merolla. A poche ore di distanza dall'arresto di Antonio Leonardi, capo storico dei 'girati' della Vannella Grassi e signore della droga, lo Stato colpisce ancora. In manette Arcangelo Abbinante capo dell'omonimo clan ed altre sette persone ritenute vicine al sodalizio criminale degli Abete-Abbinante-Notturno. A finire in manette sono stati il boss Arcangelo, Giovanni Carriello, Giuseppe Ambra, Armando Ciccarelli, Vincenzo Brandi, Costantino Raia e Alessandro De Falco, tutti accusati di associazione camorristica, mentre per  Abbinante e Ciccarelli pende anche un'accusa per un omicidio avvenuto nell'agosto scorso. Le persone sottoposte a fermo farebbero parte della cosca attualmente in guerra a Scampia per il controllo del traffico della droga. Le indagini hanno messo in luce come il clan si sarebbe riorganizzato sotto la guida di Arcangelo Abbinante e Giuseppe Montanera, quest'ultimo indicato come reggente delle famiglie Abete e Notturno. L'inchiesta che ha portato agli arresti di ieri pomeriggio è basata sulle rivelazioni di collaboratori di giustizia, ha anche ricostruito un omicidio attribuito al gruppo di fuoco dei Sette Palazzi. Vittima dell'agguato, avvenuto alla Vela Celeste il 28 agosto scorso quando fu ucciso Gennaro Ricci e rimasero feriti Vincenzo La Sorte e Salvatore Piedimonte. Per questo delitto, avvenuto nell'ambito della faida contro i Girati, sono indiziati Arcangelo Abbinante e Armando Ciccarelli. Grande soddisfazione per l'operazione ha espresso il Questore di Napoli Merolla che ha voluto ringraziare i magistrati della DDA partenopea che coordinano l'attività investigativa per la dedizione e la vicinanza alle forze dell'ordine.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©