Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In manette falso invalido cognato dei Mallardo


.

In manette falso invalido cognato dei Mallardo
16/06/2012, 12:06

NAPOLI – Alla fine sono scattate le manette ai polsi di Gabriele Di Nardo, 53 anni di Giugliano per i reati di truffa aggravata e continuata, violazione degli obblighi derivanti dalla misura della sorveglianza speciale, falsità ideologica, falsità materiale, contraffazione di sigillo di Stato ed uso del sigillo contraffatto. Gli uomini della Questura di Napoli, in collaborazione con i colleghi del Commissariato di Giugliano lo hanno acciuffato proprio nella sua dimora. L’uomo risultava titolare di una pensione di invalidità con relativa indennità di accompagnamento, fatto in netto contrasto con le dichiarazioni rese nei due gradi di giudizio del procedimento di prevenzione, ovvero di avere sempre svolto lecita attività lavorativa, tacendo invece sul vitalizio percepito. I successivi accertamenti effettuati presso l’Ufficio Invalidi Civili del Comune di Giugliano ha consentito l’acquisizione della documentazione relativa all’invalidità, in particolare il verbale di visita medico-collegiale con cui veniva riconosciuta al Di Nardo un’invalidità civile con la diagnosi psicosi cronica con disturbi del comportamento - epatopatia cronica da tossicomane, nonché il decreto di invalidità civile emesso dal Comune di Giugliano, privo di data di emissione, a firma del Dirigente del Settore Socio Sanitario. Nel corso della perquisizione effettuata presso l’abitazione dell’arrestato, sono stati sequestrati il certificato di pensione, varia documentazione relativa a conti correnti bancari e postali, carte di credito, bancomat bancario e postale, un libretto di assegni ed un orologio Rolex. L’uomo, con precedenti per associazione per delinquere, estorsione, rapina, ricettazione, riciclaggio di veicoli, falso e furto è ritenuto affiliato al clan Mallardo. Infatti è coniugato con Agnese Mallardo sorella dei fratelli Francesco e Giuseppe Mallardo, attualmente detenuti, capi indiscussi dell’omonimo clan.



Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©