Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Applausi e lacrime. Coriano a lutto sulle note di Vasco

In migliaia per Super Sic: “Addio grande Marco”

Padre Lambiasi: “Ora sei sul podio più alto che ci sia”

In migliaia per Super Sic: “Addio grande Marco”
27/10/2011, 16:10

CORIANO – Due moto accanto al feretro, le stesse che gli hanno regalato tante soddisfazioni: la “Gilera 250”, con cui ha vinto il titolo mondiale, e la “Honda MotoGp”, con cui ha corso quest’anno. In una basilica gremita di gente, dove la bara è arrivata preceduta da alcuni bambini, con in mano palloncini rossi recanti il numero 58 e la scritta “Sic”, Coriano ha dato il suo ultimo saluto a Marco Simoncelli. Ad accoglierlo le parole di inizio celebrazione di padre Francesco Lambiasi: “La sera prima dell’ultima gara hai detto che desideravi vincere il Gran Premio, perchè lì sul podio tutti ti avrebbero visto meglio. A noi ora addolora non riuscire a vederti, ma ci dà pace e tanta gioia la speranza di te che ci guardi dal podio più alto che ci sia”. Al di là delle parole, i lunghi applausi, la commozione e le lacrime. Super Sic, il soprannome con cui viene tuttora ricordato il pilota, è stato accompagnato nel suo ultimo viaggio anche dai ragazzi del “MotoClub Renzo Pasolini”. In rappresentanza del governo, invece, il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, e il sottosegretario allo sport, Rocco Crimi. Presenti per l’ultimo saluto a Marco Simoncelli, oltre al papà Paolo, la mamma Rossella, la sorella Martina, la ragazza Kate, il nonno e il grande amico Valentino Rossi, anche moltissimi big del mondo dei motori. Grande commozione nel corso di tutta la cerimonia e anche e soprattutto alla fine, all’uscita della bara dalla chiesa, con le note della canzone preferita del campione scomparso: “Siamo solo noi” di Vasco Rossi. Davanti alla folla accalcata tutto intorno, il saluto della fidanzata Kate: “Lui aveva solo pregi, era una persona perfetta e le persone perfette non possono vivere con i comuni mortali”. Ora il corpo di Simoncelli verrà trasferito nel cimitero di Cesena, dove sarà cremato.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©