Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Circa 140 treni ogni giorno

Inagurata la nuova stazione Tiburtina, hub della velocità


Inagurata la nuova stazione Tiburtina, hub della velocità
28/11/2011, 17:11

l taglio del nastro è avvenuto intorno alle 11 e 30 alla presenza del presidente della Regione Renata Polverini, della Provincia Nicola Zingaretti e del sindaco di Roma Gianni Alemanno. A tagliarlo è stato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la cui presenza testimonia il carattere nazionale dell'opera. La nuova Tiburtina è infatti uno dei cinque hub alta velocità, il primo ad essere inaugurato. «Con la realizzazione di questa grande opera credo si stia dando una di quelle prove che, in questo momento critico, abbiamo bisogno di dare all'Europa, al mondo e a noi stessi», ha detto il Capo dello Stato, sottolineato la necessità di dare dimostrazione «straordinaria capacità di innovazione e realizzazione da parte dell'Italia». Poi Napolitano ha rivolto un particolare «augurio ai ferrovieri italiani che hanno rappresentato uno dei pilastri storici del mondo del lavoro del nostro paese». Ad ascoltarlo da lontano anche i lavoratori della Wagons Lits. Anzi, ex lavoratori: 485 di loro hanno ricevuto le lettere di licenziamento (dall'11 dicembre) dopo che Fs ha stretto un accordo con la francese Thello, che li sostituirà con personale diverso. La nuova stazione, pensata e realizzata dall'architetto Paolo Desideri in collaborazione con lo studio Abdr, è costituita da un lungo parallelepipedo ricoperto di vetri "respiranti" lungo 360 metri, di cui 300 sospesi, largo 60 e a nove metri di altezza rispetto ai binari. Il lato Pietralata era stato parzialmente inaugurato circa un anno fa. Oggi, con la fine dei lavori sull'atrio Nomentano e nella galleria commerciale, la stazione è pronta. Cantieri sono ancora in corso, invece, su alcuni manufatti collegati alla stazione: quello andato a fuoco quest'estate è stato già abbattuto nei giorni scorsi, l'edificio a fianco sarà restaurato e rivestito in maniera più moderna. Tutto intorno alla nuova stazione, poi, sono stati realizzati parcheggi e aree verdi. "Quest'a opera è una di quelle prove che bisogna dare all'Europa e a noi stessi. Rappresenta quella straordinaria capacità di innovazione dell'Italia. Questo conta più di altri fattori", ha osservato Napolitano che ha scoperto una stele, alta 20 metri e del peso di 13 tonnellate, che ricorda Cavour e il suo discorso per Roma Capitale. Il presidente della Repubblica ha inoltre mostrato una targa celebrativa per il nuovo hub per l'Alta velocità, il primo dei cinque grandi progetti architettonici collegati al sistema ferroviario. La stazione è già operativa anche se gli spazi contenuti nella galleria commerciale saranno riempiti entro qualche mese da negozi, vip lounge, internet caffè, ristoranti, servizi di vario genere oltre che dalla sala di controllo elettronico del traffico. Entro i primi mesi del 2012, invece, sarà inaugurata la Nuova circonvallazione interna (Nci), la strada sotterranea ad alto scorrimento che renderà possibile la trasformazione dell'attuale tangenziale in un viale alberato e l'abbattimento del tratto di strada che oggi costeggia il lato Nomentano della stazione a circa dieci metri d'altezza. Dalla nuova stazione passeranno tutti i treni Alta Velocità transitanti per Roma. Circa 140 treni ogni giorno, da aggiungere al traffico regionale quotidiano, di circa 290 convogli.

Commenta Stampa
di Maurizio Abbruzzese Saccardi
Riproduzione riservata ©