Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Inaugurata a Piazza Dante la location per eventi eventi dell’Editrice Giannini


Inaugurata a Piazza Dante la location per eventi eventi dell’Editrice Giannini
23/03/2012, 16:03

E’ stato il soprintendente Stefano Gizzi a tenere a battesimo oggi, in via Cisterna dell’Olio, la nascita di una nuova location per gli eventi culturali cittadini.

La “Sala Giorgio Giannini”, aperta al pubblico a partire dalla prossima settimana per manifestazioni e presentazioni di libri, rappresenta infatti l’ultima iniziativa della storica casa editrice partenopea, le cui radici risalgono al 1800, per promuovere e diffondere la cultura sul territorio cittadino.

"Quello che più mi ha colpito della storia della mia azienda – ha raccontato infatti Andrea Giannini, sesta generazione di editori - è che il suo nome è più spesso legato alla parola “cultura” che non a quella “economia” come se con le sue attività i proprietari e gestori non ricercassero successi e gratificazioni economiche ma che lavorassero per il piacere di realizzare qualcosa di importante che andasse oltre al guadagno. E proprio questo è lo spirito con cui intendiamo procedere”.

A brindare con Francesco Giannini, attualmente alla guida dell’azienda di famiglia, sono intervenuti quindi anche gli amici Gianni Cozenza della Clean Edizioni, il professore Sandro Raffone, Giannantonio Garzilli e tanti altri amici e nomi noti della cultura napoletana e non solo che hanno sottolineato la valenza architettonica della sede prescelta, rara testimonianza della Napoli del secolo scorso grazie anche alla presenza non solo delle macchine tipografiche di ogni epoca ma anche delle cisterne di olio che danno appunto il nome alla strada in cui è ubicata.

“Qui prima della guerra – ha spiegato infine Francesco Giannini - si svolgevano incontri tra le personalità di spicco dell’epoca: Matilde Serao, Giambattista Vico, Benedetto Croce Salvatore Di Giacomo si incontravano e dibattevano i temi più vari; epico lo scontro con Benedetto Croce, il liberale contro la cattolicissima famiglia Giannini. Ci piace pensare di poter offrire alla città un luogo già utilizzato in passato in cui promuovere dibattuti pacati sui temi più vari”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©