Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Incendio in fabbrica: chiesti 12 anni per imprenditore calabrese


Incendio in fabbrica: chiesti 12 anni per imprenditore calabrese
29/06/2009, 16:06

Il Pm del Tribunale di Sala Consilina, Carmine Olivieri, ha chiesto dodici anni di reclusione, senza la concessione delle attenuanti, a carico dell'imprenditore calabrese Biagio Maceri, titolare del materassificio Bimaltex di Montesano sulla Marcellana (Salerno) al cui interno, il 5 luglio 2006, morirono carbonizzate due operaie. Si tratta di Giovanna Curcio di 15 anni, originaria di Casalbuono, ed Annamaria Mercadante, di Padula, di 49 anni. Biagio Maceri è imputato dei reati di omicidio plurimo colposo e di omissione delle norme di cautela in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Nella stessa udienza di questa mattina è stato ascoltato il tecnico nominato dalla difesa in ordine alla ciabatta elettrica dalla quale sarebbero partite le scintille elettriche avrebbero dato origine al tragico incendio a seguito del quale perirono le due operaie. Il materassificio si trovava in uno scantinato di un palazzo per civili abitazioni in località Prato Comune, frazione di Montesano sulla Marcellana.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©