Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Anche lui dopo Lombardo e Martino

Inchiesta P3: anche Carboni va agli arresti domiciliari


Inchiesta P3: anche Carboni va agli arresti domiciliari
23/12/2010, 10:12

ROMA - Anche l'ultima delle persone coinvolte nell'inchiesta della cosiddetta P3, Flavio Carboni, ha lasciato il carcere, dove era detenuto in custodia cautelare. Il gip Giovanni De Donato, accogliendo la richiesta della Procura, ha sostituito la misura detentiva con quella più leggera degli arresti domiciliari. Comunque si è trattato di una scarcerazione anticipata di pochi giorni: il 7 gennaio prossimo sarebbero scaduti i sei mesi previsti per legge. Ricordiamo che Carboni - già socio di Roberto Calvi e legato alla P2 - è stato arrestato con l'accusa di associaizone a delinquere finalizzato alla violazione della legge Anselmi, che sanziona la creazione di società segrete.
Nell'ambito della stessa indagine erano stati arrestati anche il giudice-geometra Pasquale Lombardi e l'imprenditore napoletano Arcangelo Martino, i quali però - a differenza di Carboni che ha sempre negato qualsiasi coivolgimento - hanno avuto da tempo i domiciliari grazie al loro atteggaimento collaborativo

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©