Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Coinvolto anche Carlo Malinconico

Inchiesta Sistri, 22 provvedimenti di custodia cautelare

Sequestrati 10,2 milioni

Inchiesta Sistri,  22 provvedimenti di custodia cautelare
17/04/2013, 10:14

NAPOLI - Ordinanza di custodia cautelare per Carlo Malinconico, nell'ambito dell'inchiesta sul Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti, per l’ex segretario sono stati disposti gli arresti domiciliari. Gli agenti della Guardia di Finanza di Napoli stanno eseguendo 22 provvedimenti di custodia cautelare diffusi dal Gip di Napoli. Sono già in carcere 3 indagati, mentre 19 sono agli arresti domiciliari.
Sono, inoltre, stati disposti 4 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria e sequestri per 10,2 milioni, custodia in carcere per l’imprenditore Sabatino Stornelli, ex Ad Selex Management, gruppo Finmeccanica, Maurizio Stornelli e Francesco Paolo Di Martino.
La Guardia di Finanza ha registrato diverse irregolarità  sugli appalti per la realizzazione del Sistri, il sistema  dei rifiuti disposto dal ministero dell'Ambiente.
Per gli indagati, a cui è stato disposto la custodia cautelare, ci sono a loro carico accuse a vario titolo, associazione a delinquere finalizzata all'emissione e all'utilizzazione di fatture false, corruzione, truffa aggravata, riciclaggio, favoreggiamento e occultamento di scritture contabili. Il progetto per l’appalto Sistri è stato stimato di circa 400 milioni di euro. A margine dell’inchiesta, sono stati sequestrati 10 milioni, di cui 7 sono stati bloccati a Selex. Infatti   il sistema non è stato mai attivato, nonostante ciò parte delle somme sono state incassate dalle imprese illecitamente. Nell’ambito dell’inchiesta è stata predisposta anche l’ordinanza agli arresti domiciliari ai danni  di un professionista che aveva la funzione  di consulente del Ministero dell'ambiente per la valutazione del contratto del Sistri e di presidente della Commissione di vigilanza sulla realizzazione del progetto. E’ necessario sottolineare che, poiché coperto dal segreto di Stato, sul progetto non era stata diffusa alcuna informazione. In riferimento al segreto di Stato, nel dicembre 2009 il Ministro dell'Ambiente aveva proseguito all'affidamento diretto alla società Selex Service Management .

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©