Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avevano giudicato pericolosa la tappa nel golfo

Incidente a Pozzuoli: Pd e Verdi noi eravamo perplessi


Incidente a Pozzuoli: Pd e Verdi noi eravamo perplessi
06/09/2010, 10:09

NAPOLI - PD e Verdi accusano organizzazione di Offshore a Bacoli: "troppa improvvisazione chiediamo inchiesta al Prefetto. Nel golfo di Napoli le gare di motoscafi sono un ulteriore esempio negativo per il diportismo selvaggio. Oggi dovevano fermare le gare e invece hanno continuato come se non ci fosse stato un morto".

"Avevamo avvisato gli organizzatori e l' amministrazione di Bacoli che una gara mondiale di Offshore nel Golfo - spiegano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il consigliere comunale del PD Emilio Di Marzio - era inopportuna a pericolosa. Ci hanno risposto in modo sprezzante ed oggi si conta l' ennesimo morto. Il 27 Agosto, appena era stata resa nota la gara mondiale di Powerboat, ci eravamo premurati di inviare una nota ufficiale con cui spiegavamo tutti i nostri dubbi. Innanzitutto una gara di questa portata organizzata in pochi giorni avrebbe creato seri problemi di sicurezza e organizzazione. Inoltre proprio in quei giorni sempre nel Golfo un gommone aveva ucciso un sub dimostrando per l' ennesima volta la pericolosità e l' anarchia che regna nel nostro mare".
"Pur non avendo preconcetti - continuano Borrelli e Di Marzio - nei confronti delle gare di Offshore, vorremmo sottolineare che organizzare queste gare nel Golfo napoletano, dove avvengono tantissimi incidenti e non vengono rispettate le più elementari norme di sicurezza e velocità è quasi una istigazione a delinquere. Non a caso il gommone che avrebbe travolto il povero natante era probabilmente uno di quelli che aveva seguito la gara e subito dopo ha cominciato a navigare a velocità sostenuta. Se l' esempio per i diportisti napoletani diventano i motobolidi d' acqua stiamo messi proprio male. Bisognerebbe organizzare campagne per diminuire la velocià non per istigare a correre. Inoltre ci domandiamo come mai nel resto del mondo quando ci sono queste gare viene impedita la balneazione e invece in questo caso non è avvenuto?"
"Ci ha colpito anche l' insensibiltà dell' organizzazione - concludono gli esponenti dei Verdi e del PD - che ha festeggiato ieri fino a notte fonda e non ha pensato di interrompere le gare di oggi per rispetto della vittima che potrebbe anche essere morta per cause indirettamente collegate a questa gara".
"Se non avessero realizzato in fretta e furia - conclude il Presidente Nazionale dei Verdi On. Angelo Bonelli - questa tappa, rifiutata da altri paesi, gli organizzatori avrebbero perso lo status di "mondiale di Offshore" che prevede almeno 5 gare all' anno mentre loro per ora ne hanno realizzate solo tre. Per questo ho chiesto al Prefetto di Napoli di aprire una inchiesta formale sull' intera organizzazione e per accertare eventuali responsabilità. Queste gare non possono essere improvvisate. Vanno organizzate da professionisti di lunga esperienza. Necessitano di un responsabile sicurezza e anche di un responsabile medico. Erano state previste tutte queste figure oppure ci si è affidati al caso?"

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©